fbpx

Siracusa, in Cattedrale veglia di Pentecoste e benedizione degli Oli

L'arcivescovo ricorda come in questi giorni di lockdown si siano vissuti giorni di afflizione, come la comunità abbia sofferto per le notizie di morte di tanti uomini e donne, vittime del virus

Dobbiamo essere più motivati nella nostra fede, maggiormente attenti nell’esercizio della solidarietà e della carità fraterna, sempre pronti nel dare ragione della nostra speranza! Per questi compiti abbiamo davvero bisogno dell’azione vivificante dello Spirito di Dio. Perciò, abbiamo invocato insieme: Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra”. Queste le parole dell’arcivescovo di Siracusa monsignor Salvatore Pappalardo che ha presieduto la veglia di Pentecoste nella Chiesa Cattedrale. Una celebrazione per la benedizione degli Oli che serviranno per la celebrazione dei sacramenti. Oli che sono stati offerti, come tradizione ormai da diversi anni, dalla Coldiretti di Siracusa.

Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra”. Così abbiamo pregato con il versetto del Salmo Responsoriale – ha detto mons. Pappalardo -. Credo anche, carissimi fratelli e sorelle, che sia propria questa l’invocazione che meglio esprime i sentimenti del nostro animo in questo particolare periodo, segnato dall’emergenza sanitaria causata dal coronavirus.Abbiamo sperimentato in questo tempo quanto l’apostolo Paolo scriveva ai cristiani di Roma: «tutta la creazione geme e soffre le doglie del parto fino ad oggi. Non solo, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo”.

L’arcivescovo ricorda come in questi giorni di lockdown si siano vissuti giorni di afflizione, come la comunità abbia sofferto per le notizie di morte di tanti uomini e donne, vittime del virus. “Forse, anche qualcuno di noi è stato provato dalla scomparsa di un parente o amico – prosegue -; tutti, poi, siamo stati obbligati a condurre uno stile di vita non pienamente confacente alle nostre consuete abitudini e ai nostri legittimi desideri e diritti. Abbiamo sperimentato davvero la nostra personale fragilità e la precarietà di tanti progetti e modelli di vita sociale.
Anche questa nostra assemblea liturgica risente oggi dello stato di sofferenza ancora vigente: infatti, tutti – presbiteri, diaconi, fedeli laici – avremmo voluto celebrare in gioiosa comunione questo momento particolarmente importante per la vita della comunità ecclesiale e, invece, ci ritroviamo qui solamente una ristretta rappresentanza sia di fedeli laici che di ministri ordinati. Come vi scrivevo in una lettera di questo periodo, dovremo però saper trarre profitto da questa esperienza dolorosa per dare nuovo impulso alla nostra vita di autentici discepoli del Signore: dobbiamo essere più motivati nella nostra fede, maggiormente attenti nell’esercizio della solidarietà e della carità fraterna, sempre pronti nel dare ragione della nostra speranza.”

L’emergenza sanitaria ha di fatto rinviato la benedizione degli Oli prevista il Giovedì Santo. “Sono gli Oli sacri che la Chiesa adibisce nella celebrazione del Battesimo, della Confermazione, dell’Unzione degli Infermi e dell’Ordine; anche alcuni luoghi ed oggetti, particolarmente dedicati per il culto divino, ricevono l’unzione con i predetti Oli. L’unzione con l’olio, fin dall’Antico Testamento, è stata recepita e valorizzata dal popolo di Dio come segno di predilezione da parte di Dio, di consacrazione per una missione e di una nuova dignità.  Non a caso il Vangelo di Luca ci riferisce che Gesù, iniziando la sua missione, si presenta nella sinagoga di Nazareth come l’Unto del Signore inviato per portare il lieto annunzio della salvezza.

Di questa unzione siamo partecipi tutti noi che, mediante i sacramenti dell’iniziazione cristiana, siamo costruiti, quali “pietre vive”, «come edificio spirituale, per un sacerdozio santo e per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, mediante Gesù Cristo» (1 Pt 2,5).”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo