In tendenza

Siracusa, la nascita di “Effetti collaterali” piace a Cutrufo: “daranno un contributo di rinnovamento al Pd”

La neonata associazione come primo effetto (collaterale) ha avuto quello di riaccendere il dibattito all'interno del partito

Sono felicissimo di apprendere della nascita dell’Associazione “Effetti Collaterali” all’interno dell’area del Partito Democratico“. A dirlo è Gaetano Cutrufo, componente della Direzione Regionale del PD siciliano che plaude l’iniziativa che ha portato alla nascita dell’associazione politica guidata da Alessandro, Acquaviva. Un’associazione che – verrebbe da dire nomen omen – come primo effetto collaterale ha avuto quello di ravvivare nuovamente il dibattito all’interno dei democratici.

Da una parte, infatti, c’è Marco Monterosso, anche lui componente della Direzione regionale del PD che prova a stemperare gli animi affermando nettamente che all’interno del partito non ci sono venti di “rottamazione” né alcuna voglia di conquista. Dall’altra, a stretto giro di posta è invece arrivata la nota di Cutrufo con cui si plaude la nascita dell’associazione e si sostiene la voglia di rinnovamento.

Sono fermamente convinto – dice Cutrufo – che qualsiasi organizzazione sociale, ed ancor di più i partiti politici che sono il fondamento della democrazia e della partecipazione, hanno bisogno di input costanti, di dibattiti permanenti, di qualsiasi cosa che eviti il cristallizzarsi delle posizioni.”

L’ex patron del Siracusa calcio e componente della Direzione regionale lancia poi un forte endorsement ad Acquaviva e a tutta l’associazione. “Sono certo – afferma – che i militanti democratici di “Effetti Collaterali”, guidati da Alessandro Acquaviva, che considero un leader capace a cui chiedere ed offrire maggiore agibilità politica, sapranno dare un grande contributo al rinnovamento di questo nostro Pd. A loro va il mio migliore augurio di attivismo la ovvia disponibilità al confronto democratico laico e costante a favore del Pd e dei siracusani.”

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo