In tendenza

Siracusa, l’archivio progetti della scuola di Architettura intitolato al professor Giuseppe Pagnano

L’Archivio era stato istituito nel 2008 dall’allora Dipartimento Astra (Architettura, Storia, Strutture, Territorio, Rappresentazione, Restauro, Ambiente)

La Struttura didattica speciale di Architettura dell’Università di Catania, che ha sede nella Caserma Abela di Siracusa, ha deliberato all’unanimità di intitolare il proprio Archivio progetti alla memoria del prof. Giuseppe Pagnano, scomparso nel 2017.

L’Archivio era stato istituito nel 2008 dall’allora Dipartimento Astra (Architettura, Storia, Strutture, Territorio, Rappresentazione, Restauro, Ambiente), diretto proprio dal prof. Pagnano, con lo scopo di provvedere alla tutela, alla conservazione e alla valorizzazione di un patrimonio documentale fatto per lo più dagli elaborati progettuali e dagli archivi di architetti e progettisti, in particolare attivi nel territorio della Sicilia orientale e centrale. La direzione venne affidata alla prof.ssa Elisabetta Pagello.

In seguito l’Archivio è stato preso in carico dalla Struttura didattica speciale di Architettura ed è diretto dalla prof. Maria Rosaria Vitale dal 16 marzo 2015. L’Archivio – che fa parte dell’Associazione Nazionale degli Archivi di Architettura italiani – svolge attività di ordinamento, inventariazione, catalogazione delle collezioni nei diversi sistemi informativi; mette a disposizione i materiali per la consultazione; offre consulenza scientifica alla redazione di tesi di laurea; svolge tutoring degli studenti e tirocinio curriculare interno.

Attualmente raccoglie sei fondi archivistici di architetti, ingegneri, urbanisti, di cui si conservano i disegni tecnici, i carteggi, i documenti relativi all’attività professionale e didattica, materiale grigio, negativi e stampe fotografiche, diapositive: (Francesco Fichera (1881 – 1950); Giuseppe Marletta (1906 – 1988); Enzo Fortuna (1921 – 1979); Vincenzo Cabianca (1925 – 2015); Matteo Arena (1931 – 2014); Giuseppe Pagnano (1942 – 2017).

In particolare il fondo Giuseppe Pagnano è stato donato dagli eredi alla Struttura didattica speciale di Architettura nel 2018. La collezione comprende i materiali della sua vasta attività professionale. Architetto e docente dai poliedrici interessi, sostenuto da una raffinata cultura storica, durante la sua lunga carriera Pagnano si è misurato con temi urbanistici (il Piano Speciale per Ortigia, il Piano di recupero dei quartieri S. Maria la Vetere, Purgatorio e S. Pietro a Militello), incarichi per edifici pubblici (il palazzo della Provincia di Siracusa ad Ortigia), allestimenti e sistemazioni museali (il museo di San Nicolò e quello di Santa Maria della Stella a Militello, l’antiquarium del teatro romano a Catania), restauri e riusi (la cattedrale di Caltagirone, l’adattamento ad auditorium della chiesa di San Domenico a Militello, il restauro del chiostro di ponente e degli appartamenti dell’abate dell’ex monastero di San Nicolò l’Arena), interventi in ambito archeologico (la copertura dei mosaici della villa del Tellaro e gli interventi sul teatro romano e sull’odeon di Catania) e attività di consulenza (fra tutte quelle per il recupero a sede universitaria dell’ex monastero di San Nicolò l’Arena, con Giancarlo De Carlo e per il restauro di castello Ursino a Catania).


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo