In tendenza

Siracusa, l’assessore Buccheri sui parcheggiatori abusivi: “la città non può che chiedere scusa al turista tedesco”

L'assessore alla Polizia Municipale auspica che il fenomeno possa tornare al centro della discussione durante i prossimi comitati per l'ordine a la sicurezza in Prefettura

La città non può che chiedere scusa al nostro ospite ma quello dei parcheggiatori abusivi è un triste fenomeno non solo siracusano. Basta leggere le cronache per rendersene conto, insieme all’impotenza nel non riuscire a debellarlo in nessuna città italiana. La nostra Polizia municipale, negli ultimi anni, è intervenuta decine di volte e laddove sono stati riscontrati comportamenti illegali sono stati elevati i previsti verbali di allontanamento, essendo il successivo ed eventuale provvedimento di Daspo urbano competenza del Questore”.

Lo dichiara in una nota l’assessore Andrea Buccheri – facendo riferimento alla disavventura di un turista tedesco pubblicata dal nostro quotidiano stamattina – ricordando i numeri dell’attività svolta dalla Polizia municipale. Nel 2017 sono stati elevati 4 verbali di allontanamento, 19 quelli elevati nel 2018, 17 quelli elevati nel 2019, 6 quelli del 2020, riferiti però ai soli mesi estivi causa il lockdown. Un’attività che riguarda esclusivamente la zona del Parco archeologico.

L’assessore alla Polizia Municipale auspica che quanto prima il problema possa nuovamente rientrare nell’agenda del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, che in un recente passato è intervenuto richiamando un maggiore e più capillare controllo da parte delle Forze dell’Ordine nei confronti dei parcheggiatori abusivi. “Episodi come quelli riportati dall’ultimo fatto di cronaca – conclude Buccheri – rendono pertanto attuale ed urgente un ulteriore intervento con gli strumenti che la legge mette a disposizione e che, alla luce del costante ripetersi del fenomeno, forse sono insufficienti. Mi auguro che sia stata fatta regolare denuncia alle Autorità per permettere di intraprendere le azioni di competenza”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo