fbpx

Siracusa, lavoratori a supporto del Comune. I sindacati: “a che punto sono le gare?”

Il 18 agosto è prevista la scadenza della proroga tecnica che per i sindacati rimane di dubbia liceità

Nonostante il risultato dell’ottenimento delle 300 ore destinate ai servizi tributi, anagrafe e stato covile, rimane alta l’attenzione e la preoccupazione dei sindacati provinciali Filcams Cgil e Uiltucs di Siracusa, sui termini della proroga e dell’ormai prossima scadenza. Infatti se lo sciopero dei lavoratori giorno 3 luglio, ha di fatto raggiunto l’obiettivo, il 18 agosto è prevista la scadenza della proroga tecnica che per i sindacati rimane di dubbia liceità.

Aspettavamo queste gare piccole così come promesso dall’assessore e vicesindaco Pierpaolo Coppa – affermano i segretari Anna Floridia e Alessandro Vasquez-. Ad oggi nessuna di questa ha trovato luce e si corre spediti verso una nuova proroga tecnica di 3 mesi ed il rischio concreto e che vedrà un ulteriore ribasso rispetto alla precedente. Tutti i lavoratori dell’appalto in ati Ciclat/Util service sono stati enormemente danneggiati dalla mancata progettualità del Comune di Siracusa e pertanto chiediamo l’attivazione del confronto con l’amministrazione fin da subito. Sbaglia chi crede che la nostra attenzione cali nel periodo di agosto. Siamo pronti ad altre manifestazioni e proteste eclatanti per capire l’orientamento politico e decisionale della giunta e dei suoi dirigenti.“

Sui lavoratori util service pende inoltre una procedura di licenziamento collettivo ritenuta illegittima dalle due sigle sindacali, impugnata più volte all’ufficio del lavoro e dal quale non è pervenuta nessuna risposta. “Nessuno può permettersi di sonnecchiare su tematiche che riguardano il pane e la serenità delle famiglie – concludono – in un periodo così tragico dal punto di vista occupazionale ed esortiamo a gran voce un segnale tangibile da parte delle istituzioni competenti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo