Siracusa, le “Sardine” tornano in piazza: appuntamento fissato per il 25 gennaio

In quella data si terrà un flash mob contemporaneo, una manifestazione simultanea in nove piazze delle nove province siciliane

Le Sardine tornano in piazza. Mentre la Sardina autostoppista, come una torcia olimpica, continua il suo viaggio attraverso l’isola con tutti i mezzi disponibili, i gruppi provinciali delle sardine lavorano senza sosta per organizzare la “cerimonia di chiusura” di questa prima staffetta della Sardina.

Il 25 gennaio, dalle 18, si svolgerà un flash mob contemporaneo, una manifestazione simultanea in nove piazze delle nove province siciliane: un momento condiviso per riprendere, con creatività e secondo lo stile delle sardine, il tema delle infrastrutture e quello dell’emigrazione che affligge la Sicilia e l’intero Meridione, oltre alle questioni emerse lungo tutte le tappe del viaggio della Sardina nei diversi territori provinciali. E per Siracusa,la piazza scelta quella di piazza Archimede.

La manifestazione – spiega Massimiliano Perna, coordinatore delle sardine siracusane – sarà come sempre un momento pieno di musica, letture, riflessioni, arte, con una fase finale ricca di sorprese e di momenti suggestivi che coinvolgeranno allo stesso modo e nello stesso istante tutte le piazze, collegate tra loro. Un’occasione per far vedere che può esistere una Sicilia compatta, capace di avere un popolo che si unisce per chiedere spazio e soluzioni a problemi che sono ormai atavici, incancreniti e che minano il progresso dell’isola.”

Sarà inoltre l’occasione per ribadire ancora una volta, come fatto dalle singole piazze locali, lo slogan #LaSiciliaNonSiLega. Un motto che per gli organizzatori deve risuonare in modo ancora più chiaro a maggior ragione adesso che la Lega ha costituito il suo primo gruppo consiliare all’Ars ed è entrata anche in alcune giunte comunali.

Invitiamo – prosegue – quanti si riconoscono nei valori del nostro movimento (antifascismo, antirazzismo, solidarietà) a scendere in piazza nella città più vicina, portando: un prototipo di valigia realizzata con il cartone; una poesia stampata da scambiare in piazza; creatività, allegria, voglia di partecipare e di stare insieme; qualora piovesse, un bell’ombrello, possibilmente colorato.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo