In tendenza

Siracusa, Mangiafico su seconda ondata: “L’Amministrazione intervenga sulla fascia più debole”

L'ex vicepresidente del Consiglio comunale ha redatto un decalogo su possibili interventi per tre macro emergenze: fame, freddo e casa

Sono tre le necessità fondamentali dell’uomo: cibo per nutrirsi, un tetto sopra la testa e qualcosa per ripararsi dal freddo. Cose basilari, ma non scontate. Almeno non per qualcuno, in particolare in tempi di Covid. A dirlo è Michele Mangiafico, ex vicepresidente del Consiglio comunale, il quale, chiede all’Amministrazione comunale di intervenire sulla fascia più debole della cittadinanza prima che questa seconda ondata diventi disastrosa per qualcuno.

Mangiafico ha, quindi, redatto un catalogo in dieci punti. Si tratta di proposte concrete per fornire cibo e assistenza a chi ne ha più bisogno.

L’intero decalogo conta 10 punti, tra questi: la redistribuzione delle risorse in eccedenza, l’attivazione di uno sconto Tari a bar e ristoranti, la possibilità di aprire la Casa del Pellegrino e Madonna delle Grazie ai senza tetto, la partecipazione attiva alle iniziative già in atto della mensa dei poveri, la riattivazione della spesa sospesa, rimpinguare il capitolo del tetto soccorso, pensare a contributi per sostenere i canoni di locazione delle famiglie più in difficoltà, provvedere a distribuire i pacchi spesa già acquistati e mai donati e elargire maggiori informazioni sui canali social del comune.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo