In tendenza

Siracusa, manutenzione del Canale Galermi, audizione in III commissione Ars. Cafeo: “impegno per monitorare la situazione”

"Dall’esito della commissione è emerso che pur restando chiara la proprietà dell’opera da parte del Demanio, resta da individuare con chiarezza chi si dovrà assumere l’onere della cura e della manutenzione del canale"

“Lo scorso mercoledì si è svolta all’Ars l’audizione in merito alle problematiche connesse alla manutenzione e gestione del canale Galermi, alla presenza del dott. Mario Candore, dirigente generale del Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale, dell’arch. Salvatore Lizzio, dirigente generale del Dipartimento regionale tecnico, dell’ing. Paolo Burgo, ingegnere capo Ufficio del genio civile di Siracusa, dell’ing. Francesco Greco, segretario generale dell’Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia, del dott. Francesco Nicodemo e del dott. Giuseppe Barbagallo, rispettivamente commissario straordinario e direttore generale del Consorzio di bonifica della Sicilia orientale e dei rappresentanti regionali di Confcooperative, Cia, Coldiretti e Confagricoltura”. A darne notizia è l’On. Giovanni Cafeo, parlamentare regionale di Italia Viva e Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.

“Dall’esito della commissione è emerso che pur restando chiara la proprietà dell’opera da parte del Demanio, resta da individuare con chiarezza chi si dovrà assumere l’onere della cura e della manutenzione del canale – prosegue Cafeo – da secoli strategico per l’attività agricola del nostro territorio. L’assenza in commissione dell’assessore al Bilancio e del dirigente generale del Dipartimento regionale della Protezione Civile ha purtroppo impedito di affrontare altri due temi importanti collegati alle sorti del Canale Galermi e cioè se la manutenzione ordinaria dovrà essere affidata al Genio Civile o ai Consorzi di Bonifica ma soprattutto se saranno previsti e a quanto ammonteranno gli stanziamenti annuali destinati alla suddetta manutenzione ordinaria, nonché agli eventuali interventi straordinari di ripristino e messa in sicurezza. Proprio alla luce di queste assenze, la III Commissione si è assunta l’impegno di convocare a breve una nuova seduta proprio sul tema delle risorse destinate alla pianificazione annuale delle manutenzioni ma nel frattempo si impegnerà a monitorare con attenzione, anche attraverso l’audizione delle associazioni di categoria legate all’agricoltura, lo stato di salute del Canale Galermi”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo