In tendenza

Siracusa, nuovo Dpcm: i ristoratori organizzano la protesta

In molti hanno gettato la spugna, tanti quelli che hanno deciso di chiudere non solo a cena, ma anche a pranzo

Si sono dati appuntamento questa mattina in Ortigia i ristoratori siracusani per organizzare la rabbia dovuta alla contrarietà del nuovo Dpcm firmato ieri dal premier Giuseppe Conte.

Sono sconfortati ma anche amareggiati, loro, i primi a chiudere durante la scorsa quarantena e poi gli ultimi a riaprire. Loro che anche questa volta si vedono costretti a chiudere i battenti a causa di limitazioni che impongono la saracinesca giù alle 18. In molti hanno gettato la spugna, tanti quelli che hanno deciso di chiudere non solo a cena, ma anche a pranzo.

A Siracusa, adesso, stanno cercando di canalizzare l’energia per dare vita ad una protesta, di cui sarà data notizia nelle prossime ore.

Ai microfoni di Siracusanews i motivi del No al nuovo Dpcm e lo stato d’animo di coloro che oggi guardano con paura al presente e al futuro.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo