Siracusa, “Ok all’azzeramento politico della Giunta”. Il sindaco apre e il Pd si prende una pausa di riflessione

Il sindaco Garozzo, davanti ai compagni di partito, ha dichiarato la volontà di azzerare politicamente la Giunta e di voler condividere col Pd un mini programma di fine mandato

Pace fatta? No. Separazione? Nemmeno. Pausa di riflessione? Sì. Questo l’esito del “processo” in assemblea cittadina al sindaco Giancarlo Garozzo.

Ieri sera in una sala conferenze all’hotel del santuario, alla presenza di tutti i big del Pd, il partito ha deciso di non decidere se scaricare o meno il primo cittadino, come già accaduto in assemblea provinciale. L’accusa, diretta dal segretario cittadino Marco Monterosso ha iniziato una lunga arringa nei confronti di Garozzo, accusandolo di una serie di “strappi” e di decisioni non condivise con partito, non ultima la scelta del neo assessore Moscuzza. Monterosso, a conferma dello scarso dialogo, ha contestato il fatto che ultimamente è venuto a conoscenza delle decisioni di Garozzo solo tramite articoli di stampa, non ultimo quello sulla presunta apertura al dialogo.

Un’apertura diventata realtà, perché Garozzo, davanti agli ancora compagni di partito ha dichiarato la volontà di azzerare politicamente la Giunta e di voler condividere col Pd un mini programma di fine mandato. Tradotto per i meno avvezzi: azzeriamo tutto, concordiamo gli uomini con cui finire la legislatura, trovando una mediazione tra tutte le forze politiche di maggioranza. Quindi anche i centristi di Gianluca Scrofani, che da semplice comprimaria, oggi sembra sempre più far la parte del leone a palazzo Vermexio.

Insomma, il Pd siracusano, così come quello nazionale, serra le fila nel tentativo di capire chi (quale corrente) valga più degli altri, e nel frattempo si prende 15 giorni di riflessione e di intensa attività di mediazione per capire se Garozzo sarà ancora rappresentanza del partito con cui è stato eletto o se sarà una presenza scomoda da mettere alla porta. Con buona pace di Scrofani, pronto però ad accogliere a braccia aperte qualunque decisione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo