Siracusa, ok della commissione Cultura del Senato alla nomina di Marina Valensise nel Cda Inda

Il voto, come avviene di consueto in caso di pareri su nomine, si è svolto a scrutinio segreto: i "sì" sono stati 16, gli astenuti 4 e nessun voto contrario

Via libera della commissione Cultura del Senato alla proposta di nomina, da parte del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, di Marina Valensise a componente del Cda dell’Istituto nazionale per il dramma antico di Siracusa (Inda). Il voto, come avviene di consueto in caso di pareri su nomine, si è svolto a scrutinio segreto: i “sì” sono stati 16, gli astenuti 4 e nessun voto contrario. Già nel novembre scorso il ministro Franceschini, aveva avviato le procedure per nominare Marina Valensise come consigliere delegato Inda al posto della compianta Mariarita Sgarlata.

Marina Valensise, editorialista del Messaggero e già collaboratore del Foglio, ha diretto l’Istituto italiano di Cultura di Parigi dal 2012 al 2016. È stata capo della segreteria particolare del Ministro per i beni culturali e ambientali Alberto Ronchey.

L’Istituto Nazionale per il Dramma Antico dal 1913 mette in scena tra maggio e luglio nel Teatro greco di Siracusa gli spettacoli della tragedia e della commedia classiche interpretati dai più grandi artisti nel panorama nazionale e internazionale. La designazione verrà inviata alle commissioni cultura di Camera e Senato per il parere consultivo.

La scelta di Marina Valensise per il ruolo di consigliere delegato della Fondazione Inda è un importante segnale per il rafforzamento del percorso di crescita dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico”. Il presidente della Fondazione Inda, Francesco Italia, il sovrintendente Antonio Calbi e tutto il consiglio d’amministrazione, accolgono con grande soddisfazione la nomina di “una figura di altissimo prestigio” per un ruolo delicato e di grande responsabilità come quello di consigliere delegato dell’Inda.

Dopo la prematura scomparsa di Mariarita Sgarlata, la nomina del nuovo consigliere delegato ricostituisce la governance della Fondazione Inda e consente all’Istituto di lavorare con rinnovato slancio alla preparazione della Stagione 2020.

Siamo certi – sono le parole di Italia e Calbi – che la grande esperienza, la professionalità e lo spessore intellettuale e culturale di Marina Valensise saranno fondamentali per continuare un cammino che dovrà condurre la Fondazione Inda, istituzione leader nel proprio settore in Italia, ad affermarsi sempre più anche a livello internazionale. Un ringraziamento lo rivolgiamo anche al ministro Dario Franceschini; l’indicazione di Marina Valensise conferma la grande attenzione da parte del governo nazionale per la Fondazione Inda e per un’attività teatrale e culturale capace di coinvolgere ogni anno migliaia di persone da tutto il mondo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo