In tendenza

Siracusa, perimetrazione delle Zes. Cafeo: “necessaria una riduzione delle aree Sin”

Il parlamentare accoglie l'appello dei sottoscrittori del patto di responsabilità sociale

“Tutto il lavoro propedeutico alla realizzazione delle Zone Economiche Speciali nel territorio siracusano, le Zes, rischia di venire cancellato se non si interviene al più presto per una netta riduzione delle aree Sin della provincia”. A parlare è l’on. Giovanni Cafeo, segretario della III commissione Attività Produttive e presidente dell’Intergruppo Federalista Europeo all’Ars, commentando la nota rilasciata da Diego Bivona, presidente di Confindustria Siracusa, associazione promotrice del Patto di responsabilità sociale.

“L’allarme lanciato dal presidente Bivona, evidentemente a nome di tutte le associazioni che hanno sottoscritto il Patto di responsabilità sociale, non può e non deve essere sottovalutato – spiega Cafeo – visto che proprio in queste ore il Governo sta definendo il perimetro delle Zes dalle quali saranno escluse le aree Sin e le zone sottoposte a vincoli paesaggistici. Di fatto, potrebbe venire escluso praticamente tutto il territorio della provincia di Siracusa, incluso il porto di Augusta”.

“Accolgo quindi immediatamente l’appello delle associazioni del Patto di responsabilità di Siracusa – conclude Cafeo – e anzi rilancio ai colleghi deputati regionali e nazionali e soprattutto ai sindaci del territorio l’impegno per un’azione congiunta, mirata a chiedere con forza la riduzione delle aree Sin, allargate senza criteri ma soprattutto senza considerare il danno economico dovuto agli stretti vincoli e alla conseguente impossibilità di investimenti sul territorio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo