Siracusa, prelievo multiorgano all’ospedale Umberto I da una donna di 73 anni

L’equipe chirurgica dell'Ismett ha prelevato fegato e reni mentre l'equipe oculistica dell'Umberto I ha prelevato le cornee che sono state trasferite alla banca degli occhi

Immagine di repertorio

Un prelievo multiorgano è stato eseguito questa notte all’ospedale Umberto I di Siracusa per restituire la speranza di vita a tante persone.

L’opportunità è stata data grazie alla decisione dei familiari di una donna di 73 anni, deceduta per emorragia cerebrale e ricoverata nel reparto di Rianimazione dell’Umberto I di Siracusa. A loro la riconoscenza di tutti per l’encomiabile gesto di altruismo non indifferente verso il prossimo.

La procedura, con il supporto organizzativo della Direzione medica di presidio, è stata coordinata dal responsabile dell’Ufficio locale Trapianti Graziella Basso con l’intervento del personale medico, infermieristico e tecnico dell’ospedale aretuseo e dell’Ismett di Palermo. L’equipe chirurgica dell’Ismett ha prelevato fegato e reni mentre l’equipe oculistica dell’Umberto I ha prelevato le cornee che sono state trasferite alla banca degli occhi.

“Un doveroso e sincero ringraziamento – sottolinea il coordinatore – va a tutto il personale dell’ospedale aretuseo che ha dimostrato non solo le sue grandi capacità umane e professionali, consentendo di procedere al prelievo nei tempi dovuti, ma soprattutto uno spirito di integrazione multidisciplinare ed umanizzazione dell’assistenza”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo