In tendenza

Siracusa, Presentata stamane la lista di Scelta Civica con Monti per l’Italia. Andrea Vecchio Capolista per la Sicilia Orientale

Conferenza stampa di presentazione delle liste di Scelta Civica con Monti per l’Italia:

“Mi congratulo con gli amici di Siracusa per avere scelto una sede elettorale così aperta e luminosa. Incarna perfettamente il nostro progetto: portare luce nelle buie stanze del parlamento italiano, nelle buie stanze del potere e nelle buie menti dei mascalzoni che hanno governato il nostro Paese fino ad oggi”.
Ha esordito così stamani l’imprenditore antimafia Andrea Vecchio nell’intervento conclusivo della conferenza stampa di presentazione delle liste di Scelta Civica con Monti per l’Italia che si è tenuta nel comitato di viale Tica 160/b a Siracusa. Il candidato capolista alla Camera ha sottolineato ancora una volta che il movimento politico che fa capo al Presidente del Consiglio uscente è “composto da esponenti della società responsabile che hanno deciso di salire in politica perché ad essi stanno veramente a cuore le sorti del Paese”.

Ad aprire l’incontro con i giornalisti l’ex sindaco di Siracusa, Roberto Visentin, vice capolista alla Camera nel collegio Sicilia Orientale che ha puntato l’attenzione sulla improcrastinabile esigenza di cambiamento.
“E’ arrivato il momento di mettere il lavoro e lo sviluppo al centro dell’agenda politica – ha detto Visentin – e lasciare ad altri il turpe dibattito sulla chimera delle detassazione. L’unico soggetto politico che può portare avanti con competenza, credibilità e capacità il progetto di rilancio, in chiave riformista, del nostro Paese è proprio Mario Monti che si distingue rispetto all’offerta politica populista di Grillo e Berlusconi”.
Insieme a Roberto Visentin e ad Andrea Vecchio c’era anche l’ex magistrato Salvatore Raiti, candidato al Senato di Scelta Civica con Monti.

“La nostra è l’unica opzione politica che ha uomini e mezzi per cambiare in meglio l’Italia – ha affermato Raiti – perché composta da professionisti che hanno dimostrato di fare bene nel proprio lavoro a cominciare da Luca Cordero di Montezemolo, Bombassei ed altri indiscutibili fuori classe che, per la prima volta nella loro storia personale, hanno scelto di fare politica e guarda caso lo hanno fatto oggi con Monti. Una dimostrazione della bontà del progetto, ma soprattutto il chiaro segnale che è venuto il momento di spendersi in prima persona per salvare il Paese”.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo