Siracusa, Randazzo conferma la volontà di dimettersi: manca solo la data

Stamattina il vice sindaco di Siracusa, insieme con Lealtà e Condivisione ha voluto chiarire quanto accaduto negli ultimi giorni

Dimissioni annunciate e confermate, ma sempre a data da destinarsi. E acqua gettata come fossero pompieri sulle possibili “frizioni interne” declassate a pura dialettica dentro l’associazione. “Al nostro interno – ha esordito il presidente di Lealtà e Condivisione, Ezio Guglielmo – spesso si affrontano discorsi articolati e a più voci, ma piena assonanza sul ruolo svolto da Giovanni sia all’esterno sia all’interno dell’amministrazione.”

In sintesi questo è quanto accaduto stamattina nella sede di Lealtà e Condivisione che ha voluto tenere una conferenza stampa alla presenza del vice sindaco (dimissionario annunciato), Giovanni Randazzo, per chiarire al meglio cosa sia accaduto negli ultimi giorni. Durante la recente riunione dell’associazione che spalleggia il vice sindaco, quest’ultimo aveva annunciato la volontà di fare un passo indietro per stanchezza personale.

E le notizie riportate dalla stampa – ha detto oggi Randazzo – hanno semplicemente velocizzato questo processo“. Un processo che al momento è punto focale di Lealtà e Condivisione che insieme con il proprio assessore di riferimento e insieme con la Giunta Italia stanno cercando di trovare la quadra per definire quali siano le tempistiche migliori per l’uscita di Randazzo, ma soprattutto chi prenderà il suo posto. Perchè se è vero che le dimissioni del vice sindaco sono annunciate, è vero anche, come sostenuto oggi dal presidente dell’associazione, Ezio Guglielmo, che queste siano scollegate dall’ipotesi di rimpasto.

Ma dato che a fine mese la Giunta subirà un restyling e anche un possibile allargamento ad altri due assessori in virtù della norma regionale, Lealtà e Condivisione, pur evidenziando i tanti problemi ancora presenti in città, resterà in Giunta. Con chi, però, è ancora da valutare. “Riteniamo – ha concluso Guglielmo – che ci siano le condizioni per proseguire l’esperienza amministrativa.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo