fbpx

Fase 3, in Sicilia stop all’obbligo distanziamento per i passeggeri sui bus

Siracusa, revisione delle Aia: conclusi i lavori della commissione istruttoria in zona industriale

La commissione ministeriale nelle giornate di ieri e oggi ha effettuato una serie di sopralluoghi all'interno degli stabilimenti degli impianti Isab

Si è conclusa la due giorni di lavoro da parte della Commissione istruttoria di riesame delle Aia che in questa prima fase ha coinvolto gli stabilimenti Versalis e Lukoil, mentre nelle prossime settimane vedrà al centro gli stabilimenti Sasol e Sonatrach. La commissione ministeriale nelle giornate di ieri e oggi ha effettuato una serie di sopralluoghi all’interno degli stabilimenti degli impianti Isab Sud e Nord. Al termine degli stessi la commissione ha avviato il confronto con il colosso russo. Hanno partecipato ai lavori della commissione tutti i componenti delle amministrazioni locali di Siracusa, Priolo e Melilli, del Libero Consorzio e della Regione.

Il riesame Aia è stato disposto a seguito dell’approvazione nel 2018 del piano regionale della qualità dell’aria, su cui tutt’ora pende un ricorso al Tar di Palermo a seguito di un ricorso presentato da tutte le maggiori aziende del polo petrolchimico siracusano e che prevede le misure di adeguamento al piano regionale che hanno lo scopo di migliorare la qualità dell’area del territorio. Isab si dichiara particolarmente soddisfatta dell’interlocuzione avuta sostenendo che la commissione ha compreso le criticità sollevate in merito al piano di qualità dell’aria, chiedendo al privato di portare avanti alcune valutazioni al fine di trovare un punto di sintesi con le richieste avanzate dalla commissione istruttoria.

Verosimilmente i lavori della Commissione Istruttoria termineranno entro la fine del mese di marzo 2020 e successivamente verrà proposto alla conferenza dei servizi decisoria un sistema di prescrizioni e di monitoraggio e di controllo aderente al Piano regionale della qualità dell’aria.

Al termine dei sopralluoghi – ha fatto sapere il Sindaco Gianni – la commissione ha avviato un confronto con le aziende, esaminando la documentazione prodotta dai responsabili degli stabilimenti. Al termine della valutazione, la Commissione ha concesso ulteriori 10 giorni al Gruppo Lukoil per presentare nuova documentazione e spiegare in maniera approfondita gli adeguamenti a norma di legge previsti agli impianti. Entro il 23 marzo la documentazione dovrà essere depositata presso il Ministero dell’Ambiente che, durante la prima riunione utile, prenderà in considerazione le nuove Aia”. Per il Comune di Priolo, oltre al sindaco Gianni, hanno partecipato ai lavori della commissione il disaster manager Gianni Attard e l’esperto del sindaco per le problematiche ambientali, Giuseppe Raimondo.

I lavori della Commissione Istruttoria dovrebbero terminare entro la fine di marzo, dopodiché sarà proposto al Ministero competente un sistema di prescrizioni, di monitoraggio e di controllo aderente al Piano regionale della Qualità dell’Aria. Il riesame Aia è stato disposto proprio a seguito dell’approvazione, nel 2019, del Piano regionale, che prevede misure di adeguamento per migliorare la qualità dell’aria del nostro territorio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo