In tendenza

Siracusa, rifiuti, l’appello dell’assessore Buccheri: “differenziare meglio e di più”

"Faccio appello a tutti i cittadini virtuosi che, differenziando correttamente, dimostrano amore per l’ambiente e la città"

Sulle difficoltà di conferimento dei rifiuti alla discarica di Sicula Trasporti, interviene l’assessore all’Igiene urbana Andrea Buccheri che tenta di spiegare le ragioni dei disagi con un maggior numero di presenze in città.

“Questi giorni, particolarmente difficili per il sistema di conferimento dei rifiuti, cadono nel periodo a cavallo tra le giornate pasquali e le feste del 25 Aprile e del Primo Maggio. Coincidono, cioè, con una fase in cui la città è meta di turisti, in cui si fanno scampagnate, gite fuori porta o si sistemano le seconde case. Si tratta, tradizionalmente, di un momento in cui è più difficoltoso differenziare i rifiuti, spesso anche per la presenza di più nuclei familiari riuniti. Il taglio ai quantitativi di indifferenziato accettati dalla discarica di Sicula Trasporti è capitato forse nel periodo peggiore ma il mio invito ai siracusani è di sfruttare questa crisi per imparare a differenziare meglio e di più: la raccolta differenziata è la migliore alternativa allo smaltimento dei rifiuti in discarica” afferma e invita i siracusani a compiere un gesto di amore per la città e ridurre il più possibile la quantità di riuti indifferenziati e favorire così il corretto smaltimento delle frazioni riciclabili -. Questo è il momento giusto per fruire e apprezzare il porta a porta, che serve il 95% della città. È fondamentale usare in modo corretto i mastelli per le diverse frazioni di rifiuto e sacchi esclusivamente trasparenti per identificare la tipologia di scarto in quanto la presenza di indifferenziato non raccolto sulle strade potrebbe vanificare il corretto smaltimento. È importante sapere che non sussistono problemi al conferimento delle frazioni differenziate (plastica e alluminio, carta, vetro, ecc…) negli impianti di recupero. Selezionare i rifiuti significa tutelare l’ambiente ma anche, per tutti noi, contribuire allo sviluppo e alla sostenibilità del territorio, oltre che migliorare la qualità della vita creando ricchezza e benessere. Il riutilizzo aiuta alla rigenerazione delle risorse nel completo rispetto della natura – continua -. Faccio appello a tutti i cittadini virtuosi che, differenziando correttamente, dimostrano amore per l’ambiente e la città: grazie a loro, la percentuale di raccolta differenziata è stabile al 50% da oltre un anno ma li invito a fare ancora meglio. Soprattutto, faccio appello a chi continua ad abbandonare sacchetti o materiali ingombranti per le strade, rischiando pesanti sanzioni, affinché rientri nelle regole. Ricordo loro che per mobili, arredi, RAEE, frigoriferi, lavatrici, sfalci, ecc… si può usufruire gratuitamente del servizio a domicilio telefonando al numero verde 800193750 o scaricando l’app Smartrash. È intollerabile – conclude – e socialmente deplorevole gettare in maniera irregolare rifiuti facilmente riciclabili (vetro, calcinacci, plastica, potature, ferro, sfalci o altro) che possono essere accuratamente separati e conferiti attraverso il porta a porta o presso le isole ecologiche fisse o mobili. Basta poco, solo un po’ di buona volontà”.

Tutto corretto, è giusto differenziare per migliorare la qualità del rifiuto e accedere a piattaforme diverse ma non siamo lontanamente vicini all’ipotesi “rifiuti zero”. Quindi l’immondizia c’è, i rifiuti indifferenziati pure e l’assessore non riesce a fornire tutt’ora una data per il ritiro della frazione indifferenziabile. Che, ricordiamo, viene raccolta solo una volta la settimana. Cosi è inevitabile anche per i più virtuosi avere sacchetti sparsi per casa, o comunque conferiti nei carrellati o nei mastelli lasciati fuori. Anche in questo caso, come per il servizio idrico, non si tratta di emergenza ma nulla si riesce a fare per tutelare la cittadinanza quando accadono tali problemi. Non basta poco, ma serve la stessa volontà. Politica.

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo