In tendenza

Siracusa, ripavimentazione, Caravaggio, teatro e concerti: la nuova vita di piazza Santa Lucia

“Il centro storico della città – dichiara Granata – deve diventare più ampio. Quindi non solo Ortigia e la zona umbertina ma anche la Borgata”

Un’anima musicale e culturale per piazza Santa Lucia. Anche così l’amministrazione comunale di Siracusa vuole far rivivere la Borgata, anche se probabilmente ci vorrà del tempo. La piazza, infatti, quest’estate, dovrebbe essere protagonista di eventi letterari e teatrali, ma anche di concerti sotto le stelle che potranno attirare i più giovani. Un progetto che mira a riqualificare piazza Santa Lucia, già impreziosita dal Caravaggio che, dopo anni di querelle sulla collocazione, è tornato a “casa”.

QUI l’intervista all’assessore Granata

E restando in prossimità della Basilica di Santa Lucia, sul sagrato a giorni partiranno i lavori di ripavimentazione (seppur parziale) per la quale la Giunta aveva disposto, lo scorso gennaio, un impegno di spesa pari a 150mila euro provenienti dalla tassa di soggiorno.

Un provvedimento che cammina di pari passo con la raccolta fondi avviata dalla Pro Loco che dal canto proprio mira alla ripavimentazione artistica dell’intero sagrato. I lavori affidati dal Comune intanto dureranno due mesi ma non toglieranno nulla, almeno da quanto riferisce l’assessore alla Cultura Fabio Granata, alla rigenerazione di piazza Santa Lucia dove dovrebbero essere organizzati gli eventi estivi anche nel tentativo di decongestionare Ortigia, che come ogni anno si prepara ad accogliere i turisti.

Ma a tutto questo bisogna aggiungere un elemento culturale non di poco conto: la valorizzazione del Seppellimento di Santa Lucia del Caravaggio. Il dipinto, già nell’occhio del mirino per la polemica sul prestito al Mart di Rovereto, adesso è custodito nel posto in cui è nato, dentro la chiesa con la finestra in alto a destra che illumina naturalmente la tela su cui la luce è costruita proprio per godere di questo elemento.
Un fatto affascinante, ma che pochi cittadini conoscono. Ancor meno i turisti. Per quest’ultimi è stato pensato un percorso da concordare con le guide che li condurrà dal centro storico fino alla Borgata, e quindi al Caravaggio.
“Il centro storico della città – dichiara Granata – deve diventare più ampio. Quindi non solo Ortigia e la zona umbertina ma anche la Borgata, cuore liberty della città. I lavori di ripavimentazione serviranno anche a lanciare ai cittadini un messaggio importante, e cioè la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti della Borgata”.

Proprio in questi giorni sono in corso gli interventi in piazza Euripide per ridare al sito un aspetto quasi da “giardino”. Tutti lavori che serviranno a far rifiorire la Borgata. Ma bisognerà attendere almeno la prossima Primavera.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo