In tendenza

Siracusa, Si alza il sipario sulla stagione del centenario dell’Inda

Da cento anni l’Istituto Nazionale del Dramma Antico, attraverso la realizzazione delle rappresentazioni al Teatro greco di Siracusa e nei teatri antichi d’Europa, continua a diffondere il pensiero ed i valori della cultura classica, conciliando le esigenze della qualificazione artistico -culturale e della comunicazione con un pubblico di decine di migliaia di spettatori.

Quella che si apre quest’anno è una stagione più lunga e, in qualche modo, speciale per festeggiare al meglio il secolo della nostra Istituzione culturale, ambasciatrice nel mondo dei valori intramontabili del teatro antico che ha saputo mantenere intatta nei millenni tutta la sua forza morale e la sua incredibile attualità.

Da mesi l’intera macchina operativa di scenografi e costumisti della Fondazione è al lavoro. Le scene di Arnaldo Pomodoro hanno richiesto un impegno importante e saranno proprio queste a conferire all’evento una ulteriore cifra di prestigio ed unicità, consentendo al sito archeologico di divenire,a breve, uno straordinario cantiere teatrale, proprio come cento anni fa.

Luca De Fusco (Agamennone), Daniele Salvo (Coefore/Eumenidi), Mauro Avogadro (Le Vespe) e Manuel Giliberti (Verso Argo) i nomi dei registi impegnati con la messa in scena degli spettacoli. Le musiche sono affidate a Antonio Di Pofi (Agamennone e Verso Argo), Marco Podda (Coefore/ Eumenidi), Banda Osiris per la commedia di Le Vespe, la cui traduzione è di Alessandro Grilli mentre per la trilogia è a cura di Monica Centanni; il testo drammaturgico di Verso Argo è di Eva Cantarella.

Primo appuntamento del Centenario è il 16 aprile a Palazzo Greco, storica sede siracusana della Fondazione, con la Cerimonia di apertura delle Feste Classiche dal titolo Vitalità del Mito.

Seguirà la Cerimonia del Tedoforo e lo spettacolo Verso Argo, al Teatro Greco dedicato a Giusto Monaco, insigne filologo classico, che all’I.N.D.A. dedicò tanti anni di appassionato impegno che vede tra i protagonisti ( in ordine di apparizione): Mita Medici, Massimo Cimaglia, Lucia Sardo, Luca Giordana, Deborah Lentini, Evelyn Famà, Simonetta Cartia.

Una grande festa, un momento di grande emozione quello che la Fondazione INDA si appresta a vivere con tutta la città e quanti in questi anni hanno lavorato, amato e partecipato della vita dell’Istituto.

Alle 11 nella sede storica di Palazzo Greco avranno inizio i festeggiamenti con i saluti del Commissario straordinario Alessandro Giacchetti e le autorità istituzionali. Nel Salone Cambellotti avrà, quindi, luogo il saluto della Famiglia Gargallo e l’inaugurazione della Mostra di documenti inediti provenienti dall’Archivio INDA, dal Fondo Famiglia Gargallo e dall’Archivio del Liceo Artistico Gagini dal titolo L’Istituto Nazionale del Dramma Antico: Le origini, la grande intuizione di Mario Tommaso Gargallo. Un progetto espositivo curato dalla Fondazione INDA, AFI (Archivio Fondazione INDA), dalla Famiglia Gargallo e dal Liceo Artistico di Siracusa Gagini. Una lettura di brani del 1914 a cura degli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico chiuderà la mattinata.

I festeggiamenti proseguiranno nel pomeriggio alle 15.45 in Piazza Archimede, dove avverrà l’Accensione del Tripode e la lettura di alcuni brani con l’attore Mariano Rigillo. Quindi la partenza della Fiaccola con la partecipazione della LILT. La prima tappa sarà a Palazzo Greco con il saluto degli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico e l’accensione del secondo Tripode. La staffetta si concluderà con l’arrivo al Teatro Greco intorno alle ore 17. Qui l’accensione dell’ultimo Tripode con Piera degli Esposti e Ugo Pagliai.

A seguire lo spettacolo Verso Argo con la regia di Manuel Giliberti.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo