In tendenza

Siracusa, spari contro l’auto di Giovanni Di Lorenzo: gli attestati di solidarietà

Atto intimidatorio avvenuto stamattina intorno alle 12 nei pressi del cimitero comunale di Siracusa

Vicinanza e sostegno a Giovanni di Lorenzo e ferma condanna di ogni vile atto di intimidazione, nella piena convinzione che l’autore del gesto verrà individuato dagli inquirenti e assicurato alla giustizia”: queste le parole del sindaco Francesco Italia a seguito dell’atto intimidatorio avvenuto stamattina intorno alle 12 nei pressi del cimitero comunale di Siracusa ai danni del delegato del quartiere Neapolis, Giovanni Di Lorenzo.

Volevo esprimere la mia personale solidarietà e quella di tutto il PD siracusano a Giovanni Di Lorenzo per il vile gesto subito questa mattina – sono le parole di Santino Romano, Segretario cittadino del Pd di Siracusa -. Si può essere avversari politici e pensarla diversamente su tutto ma condannerò sempre l’uso della violenza in ogni sua forma, sia da segretario del PD ma soprattutto da cittadino. Confido pienamente nell’operato delle forze dell’ordine e della magistratura affinché il o i colpevoli vengano assicurati alla giustizia.”

Il Movimento 5 Stelle di Siracusa, assieme ai suoi portavoce regionali e nazionali, invita a fare quadrato attorno ai valori della Legalità e della Trasparenza per isolare sempre più quanti ancora confidano in un arcaico sistema basato sulla violenza e la paura: “quando qualcuno pensa di poter condizionare regole civili dando la parola alle armi, si deve subito opporre una ferma condanna. Certi che gli investigatori sapranno presto individuare l’autore del gesto, esprimiamo la nostra vicinanza al delegato Giovanni Di Lorenzo, oggetto questo pomeriggio di una vigliacca intimidazione”.

Anche Forza Italia Siracusa attraverso il commissario cittadino, Gianmarco Vaccarisi e il commissario provinciale Briuno Alicata, esprime sentita solidarietà Giovanni Di Lorenzo per l’inqualificabile e violento gesto subito nel corso della mattinata, su cui certamente Forze dell’Ordine e Magistratura “sapranno presto dare risposte adeguate, in linea con le aspettative di sana civiltà che la collettività persegue”

Vicinanza anche da Renato Messineo, coordinatore pro tempore del Raggruppamento Siracusa Sud: “pur nella doverosa attesa degli esiti delle indagini, nel dubbio che il fatto sia correlato all’attività Amministrativa di Giovanni, il Raggruppamento Siracusa Sud, nella sua collegialità rappresentativa, ritiene di dovere manifestare a lui la propria forte vicinanza e solidarietà, per la sua azione a favore dei territori di sua competenza. Atti intimidatori, se così si dovesse dimostrare che siano, non possono che richiedere il più grosso sforzo unitario da parte della comunità'”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo