In tendenza

Siracusa, stipulato il protocollo operativo per la messa alla prova e per l’istituzione dello sportello di probation

Con l’istituzione dell’Osservatorio permanente sulla messa alla prova si avrà la possibilità di raccogliere i dati, monitorarli, anche ai fini statistici e divulgativi, e procedere alla valutazione dell’andamento della messa alla prova e del lavoro di pubblica utilità nel territorio di competenza

Lunedì scorso, nell’ambito delle attività finalizzate alla costruzione della “Giustizia di Comunità”, al Tribunale di Siracusa è stato firmato il Protocollo operativo per la sospensione del procedimento con messa alla prova, per l’istituzione dello Sportello di Probation e di un osservatorio permanente. Il protocollo, frutto di un lungo lavoro di sintesi e di confronto, è stato elaborato con l’intento di fornire indicazioni pratiche per agevolare l’accesso all’istituto della messa alla prova attraverso la predisposizione di una procedura semplificata, trasparente e condivisa, in linea con le indicazioni operative del Dipartimento di giustizia minorile e di comunità.

Allo sportello di Probation, che risponde a una logica di “giustizia di prossimità integrata”, gli imputati/indagati, i difensori, le associazioni e gli enti interessati, potranno acquisire tutte le informazioni utili, comprese quelle per la predisposizione delle domande di ammissione alla Map, nonché la modulistica necessaria per l’avvio della procedura. In quella sede, inoltre, potranno essere raccolte proposte di iniziative formative e progetti a valenza riparativa. Lo Sportello sarà allocato al Palazzo di Giustizia di Siracusa, nei locali messi a disposizione dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Siracusa.

Con l’istituzione dell’Osservatorio permanente sulla messa alla prova si avrà la possibilità di raccogliere i dati, monitorarli, anche ai fini statistici e divulgativi, e procedere alla valutazione dell’andamento della messa alla prova e del lavoro di pubblica utilità nel territorio di competenza.

Alla stipula del protocollo erano presenti il presidente del Tribunale di Siracusa, Dorotea Quartararo, il procuratore di Siracusa, Sabrina Gambino, la presidente della Sezione Penale, Giuseppina Storaci, il Sostituto Procuratore, Andrea Palmieri, il direttore dell’Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Siracusa, S. Papa, il presidente dell’Ordine degli avvocati di Siracusa, Carlo Greco, il Consigliere Segretario del Consiglio dell’Ordine Avvocati, A. Giunta, la Presidente della Camera Penale di Siracusa, D. D’angelo, il Presidente dell’associazione Difensori d’Ufficio di Siracusa, G. Giuliano.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo