fbpx

Siracusa, svolta nel caso De Simone: non fu suicidio. Disposta l’estumulazione del corpo del giovane

Il 16 febbraio 2016 venne trovato morto dalla madre, sospeso per il collo nel cortile dell’abitazione di famiglia

La sera del 16 febbraio 2016 il giovane Angelo De Simone venne trovato morto dalla madre, sospeso per il collo nel cortile dell’abitazione di famiglia, nel quartiere del Bronx a Siracusa.

Le circostanze del ritrovamento facevano pensare al suicidio, ipotesi invero sempre rifiutata da amici e familiari del ragazzo chehanno sempre evidenziato come De Simone non avesse mai mostrato intenti suicidari e, anzi, avesse programmato una serie di cose da fare nei giorni a seguire, non ultimo andare allo stadio a tifare per il suo amato Siracusa Calcio, all’epoca protagonista di un ottimo percorso nel campionato di Lega Pro.

Niente avrebbe fatto pensare al suicidio.

Tuttavia le indagini avviate nell’immediatezza dei fatti non avevano portato a nulla e così la Procura si era vista costretta a chiedere due volte l’archiviazione.

E per due volte il Gip, accogliendo le istanze dei familiari che non hanno mai creduto alla messinscena del suicidio, ha disposto il compimento di nuove indagini.

Così, finalmente, le ultime investigazioni, dirette dal Sostituto Procuratore Gaetano Bono e coordinate dal Procuratore della Repubblica Sabrina Gambino, hanno portato non solo a scoprire come è stato ucciso Angelo De Simone, escludendo l’ipotesi suicidaria, ma a mettere gli inquirenti sulle tracce degli autori del fatto.

Per avere conferma sulle cause della morte, il Pubblico Ministero ha disposto l’estumulazione del corpo di Angelo De Simone che, dapprima, sarà sottoposto ad esame Tac e successivamente all’esame autoptico.

In base a tali accertamenti, che saranno effettuati nelle prossime ore, la Procura conta di trovare riscontri alle indagini condotte dalla Squadra Mobile di Siracusa e dalla Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Siracusa, con la positiva sinergia delle tre aliquote di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo