Covid, in provincia di Siracusa mai così pochi contagi dal 15 febbraio

In tendenza

Siracusa, tonnara di Santa Panagia. Fillea e Legambiente criticano Samonà: “solo passerella”

Salvo Carnevale e Paolo Tuttoilmondo puntano il dito contro l'assessore regionale ai Beni Culturali, chiedendo un cambio di passo per la riqualificazione della struttura

foto di repertorio

“Solo una passerella”. Così il segretario provinciale della Fillea Cgil Salvo Carnevale e il rappresentante di Legambiente Paolo Tuttoilmondo etichettano la visita avvenuta ieri alla Tonnara di Santa Panagia da parte dell’assessore regionale ai Beni Culturali, Alberto Samonà. Il componente della Giunta Musumeci si è recato a Siracusa per verificare lo stato dei lavori di messa in sicurezza e rilanciare, a parole, il progetto di riqualificazione dell’immobile.

Dichiarazioni che per il sindacalista e l’ambientalista sono però l’ennesima goccia che ha fatto traboccare il vaso. “Questa classe dirigente – tuonano i due – sarà ricordata per essere la prima per numero di passerelle e per quantità di annunci altisonanti disattesi. Ma senza uno straccio di pudore e, soprattutto, senza la minima idea di come si debbano sbloccare opere, vengono a fare le gite e annunciano, dichiarano, prendono impegni solenni. Ma non ne rispettano uno.”

Sin dall’annuncio dell’avvio dei lavori di messa in sicurezza, Carnevale e Tuttoilmondo si erano dichiarati critici contro l’assessorato regionale e oggi tornano nuovamente all’attacco accusando Samonà di “magnificare” su prospettive future “invece di chiedere scusa” per lo stato dei luoghi della Tonnara. Abbandonata e vandalizzata da circa 4 anni.

“Dovevamo avere il Museo del Mare – proseguono i due – con lavori per quasi 10 milioni di euro ma vengono qui con una opera che vale l’1,5% di quello che dovevano spendere. Bell’affare. L’Assessore è tornato sul luogo del “delitto burocratico” e ha annunciato il ricorso contro la sentenza che puniva la condotta della stessa Regione siciliana. E mentre dichiarava tutto questo, annunciava di aver creato un comitato tecnico per favorire le condizioni di messa in opera delle azioni necessarie per aprire quel cantiere. Ma veramente vogliono prenderci in giro così spudoratamente? Un nuovo ricorso e un comitato tecnico? Questo è veramente l’addio al restauro della Tonnara.”

Insomma, risposte più che insoddisfacenti per Fillea Cgil e Legambiente, sempre più convinti che serva un coinvolgimento di tutti i soggetti istituzionali interessati per pianificare una strategia di rilancio della struttura. “Il comitato tecnico – concludono con l’ennesimo affondo – è un espediente per non ammettere le colpe enormi di Sovrintendenza e Regione nella gestione della Tonnara.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo