In tendenza

Siracusa, un arresto, tre denunce e sanzioni per 11 mila euro per violazioni del Dpcm

Sono stati sanzionati 13 soggetti, un giostraio sorpreso in piena attività nonostante il divieto e due attività di ristorazione con troppi clienti

Un fine settimana impegnativo per i Carabinieri di Siracusa, che hanno operato numerosi controlli anti Covid, concentrandosi anche sulla circolazione stradale ed sulla prevenzione dei reati predatori.

Con il transito in zona gialla si è forse affievolita l’attenzione sul rispetto delle norme anticovid e numerose sono state le violazioni riscontrate al noto Dpcm; pertanto 13 soggetti sono stati sanzionati per un importo di circa 7.000 euro, mentre ulteriori sanzioni sono state elevate a un giostraio sorpreso in piena attività nonostante notoriamente tali intrattenimenti siano al momento sospesi in virtù delle norme per il contenimento della pandemia, e a due gestori di due diverse attività di ristorazione che hanno consentito l’ingresso all’interno dei loro locali di un numero eccessivo di clienti. Nel corso dei controlli stradali sono stati controllati 148 soggetti e 116 veicoli di vario tipo ed elevate sanzioni per oltre 4.000 euro.

Nel corso del servizio che ha visto impiegati decine di Carabinieri, la Sezione Radiomobile ha tratto in arresto e portato al carcere di Cavadonna B.C., siracusano classe ’83 che si trovava già sottoposto ai domiciliari per reati in materia di stupefacenti ma che a seguito di varie evasioni segnalate all’Autorità Giudiziaria è stato colpito da un provvedimento di aggravamento della misura alla quale era sottoposto ed è stato quindi tradotto in carcere.

Inoltre, sono stati denunciati a piede libero L.L., siracusano classe’82 con precedenti per reati contro il patrimonio, responsabile di furto di energia elettrica; T.J.A., colombiano classe ’92 con numerosi precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, già sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale con prescrizione di permanere in casa durante l’orario notturno, poiché all’atto del controllo era irreperibile; A.D., catanese, classe ’79, sottoposto agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, anch’egli risultato assente dalla sua abitazione e quindi evaso dagli arresti domiciliari.

Contestualmente alle denunce, durante il controllo delle aree notoriamente interessate dal triste fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati controllati e segnalati 6 assuntori di sostanze stupefacenti con il sequestro di circa 5 grammi delle relative dosi di marijuana, cocaina ed hashish.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo