Siracusa, Un bando per affittare (e poi comprare) tre nuovi bus navetta: questa volta non elettrici

L'amministrazione vuole indire il bando entro la prima metà del prossimo mese. Così facendo la flotta di mezzi a disposizione del Comune si amplierebbe, toccando quota 9. Un numero che consentirebbe di abbassare i tempi di attesa per le corse

una delle navette elettriche già in possesso del comune

Un prestito con diritto di riscatto, per “aggirare” il Patto di stabilità. Non è calciomercato ma ci si avvicina molto. Questa, in sintesi, la formula che palazzo Vermexio vuole utilizzare per implementare la flotta di bus navetta.

In pratica l’ente, visto il buon esito dell’esperimento (la reimmissione in strada dei primi 6 bus navetta) del servizio, ha deciso di implementare lo stesso bandendo una gara per l’affitto di tre mini bus che siano Euro 3 o categoria superiore, per tre anni. Ma con la possibilità di acquistare i mezzi al termine del periodo. Base d’asta 405 mila euro (135 mila euro l’anno) cui si vanno ad aggiungere l’Iva (89mila euro), spese di carburante (150mila euro per tre anni), 45 mila euro per il riscatto dei mezzi e 10 mila euro di spese pubblicitarie per il bando. Totale: 700 mila euro.

E l’amministrazione sembra voglia fare le cose velocemente, tanto da voler indire la gara entro la metà di febbraio. Così facendo i bus in giro per la città diventerebbero in tutto 9, cosa che consentirebbe all’amministrazione di abbassare i tempi di attesa – molto criticati dall’opposizione e che hanno portato il Consiglio comunale ad approvare un atto di indirizzo per rimuovere temporaneamente la Ztl in Ortigia almeno fin quando gli stessi non diventeranno inferiori ai 15 minuti – e soprattutto si potranno avere nuove corse che collegheranno più zone della città, compresi maggiori siti archeologici cittadini.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo