fbpx

Test sierologici sugli anticorpi al covid: selezionati 10 Comuni della provincia di Siracusa

Siracusa, una macchia nera nella baia di Santa Panagia: scattano le operazioni antinquinamento

Secondo un primo riscontro pare si tratti di fuliggine proveniente da una motocisterna. Un campione è stato prelevato per le analisi da parte dell'Asp

Una lunga scia scura ha coperto lo specchio acqueo compreso tra il terminale petrolifero Isab Sud e Capo Santa Panagia. Immediate le operazioni di bonifica e pulizia dell’area. Si tratta presumibilmente di fuliggine. Una segnalazione giunta nella mattinata di ieri alla Capitaneria di Porto di Siracusa ha messo immediatamente in azione i dispositivi previsti per la prevenzione dell’inquinamento marino.

Il personale militare di guardia della Sezione Staccata di Santa Panagia, allertato dalla Sala Operativa, si dirigeva subito a bordo di una Pilotina di servizio, nell’area segnalata, per verificare la presenza della macchia e la natura della stessa. Sul posto veniva rilevata la presenza di una scia, di una sostanza di colore nero, lunga circa un miglio e larga 1/2 metri, presumibilmente fuliggine.

Da un’analisi visiva veniva verificato che la causa della scia risultava essere l’emissione di ceneri da combustione da parte di una motocisterna ancorata in rada nella Baia di Santa Panagia, che emetteva elevata fumosità nera.  Si procedeva subito a diffidare il Comandante dell’unità ad adottare ogni misura atta ad eliminare gli effetti dannosi già prodotti, o potenziali, e a prevenire il pericolo di ulteriore danno all’ambiente.

Immediato anche l’impiego della dipendente Motovedetta M/V CP323 nello specchio acqueo in questione e di personale militare che, via terra, ha perlustrato la zona per verificare se la scia avesse investito anche la costa.

Veniva richiesto inoltre l’intervento dei mezzi della società concessionaria antinquinamento locale, San Giorgio Mare, i quali, giunti sullo specchio acqueo interessato dalla macchia, davano subito inizio alle operazioni di bonifica e contenimento del materiale sparso, attraverso l’utilizzo di panne galleggianti.

Durante le operazioni veniva anche effettuato il prelevamento di un campione del materiale galleggiante sullo specchio acqueo, per le successive verifiche da parte dell’Arpa di Siracusa.

Al Comandante della motocisterna, convocato negli Uffici della sezione staccata di Santa Panagia per gli adempimenti previsti dalla legge, veniva elevato un processo verbale di illecito amministrativo per la violazione del “Regolamento di Sicurezza per la disciplina delle operazioni commerciali nella Baia di Santa Panagia”, reso esecutivo con Ordinanza n. 95/2001, punito dall’art. 1174 del Codice della Navigazione. Si procedeva altresì al deferimento dello stesso all’Autorità Giudiziaria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo