In tendenza

Siracusa, una nuova farmacia a Epipoli: su un’area comunale destinata a verde e per 4 mila euro annui

Su quei mille metri quadri si potrà realizzare un manufatto di circa 170 mq con un parcheggio riservato e un’area a verde a un canone annuo di 4.250 euro per una durata di 30 anni

Una nuova farmacia in viale Epipoli. Nulla di strano, se non fosse che sarà realizzata su un’area comunale destinata a verde a un costo di circa 4 mila euro l’anno. Il privato, infatti, ha firmato una convenzione con il Comune per ottenere l’assegnazione in diritto di superficie di un’area S3 (da Piano regolatore destinata ad attrezzature per verde, gioco e sport).

Cosa c’entrino attività per lo sport e il tempo libero con una farmacia, privata, non è dato saperlo, fatto sta che il Comune – proprietario dell’area – concede mille metri quadrati (dei 46 mila totali) ai titolari della nuova struttura: 3 donne di Licata, Marsala e Ravanusa. Il dirigente che ha firmato la convenzione considera modesta l’entità dell’area che non preclude l’uso pubblico della restante zona S3 e considera la farmacia un servizio primario. Giusto, ma pur sempre privato. E su quei mille mq si potrà realizzare un manufatto di circa 170 mq con un parcheggio riservato e un’area a verde a un canone annuo di 4.250 euro per una durata di 30 anni.

Le tre professioniste hanno già pagato 5 anni anticipati (poco più di 21 mila euro) e manterranno quel terreno fino all’8 novembre 2051 con possibilità di proroga ma non trasferibile a terzi. L’accordo è stato stipulato il 9 dicembre scorso davanti a un notaio. Certo è che l’assegnazione di un’area comunale destinata a parchi per realizzare una struttura pur importante, ma privata, rischia di essere un precedente importante a Siracusa. E potenzialmente dannoso per la libera concorrenza, se si parla di un affitto di 4 mila euro annui. Anche se bisogna costruirvi un immobile.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo