fbpx

Covid 19: atterrato un carico di 40 tonnellate di dispositivi acquistato dalla Regione

Nuova ordinanza della Regione Lombardia: per uscire obbligo di mascherine o viso protetto

Siracusa, vertenza Siram: i lavoratori tornano a protestare sotto il Vermexio

I sindacati chiedono all'amministrazione l'impegno per il reintegro di tutte le unità lavorative e non solo di una parte

Gli ex lavoratori Siram sono tornati a manifestare. Lo hanno fatto questa mattina in piazza Duomo davanti all’ingresso di palazzo Vermexio. Al loro fianco, le segreterie provinciali di Fim, Fiom, Uilm e Ugl: “Non potevamo far mancare il sostegno a questi lavoratori – hanno sottolineato le segreterie provinciali – che sono stati estromessi dopo il cambio appalto per i servizi resi al Comune di Siracusa. E questa protesta si è resa utile perché dall’incontro con il primo cittadino, Francesco Italia, sono arrivate rassicurazioni importanti sulla vicenda. Il sindaco, infatti, si è impegnato ad affrontare la questione con la ditta che è subentrata nel cambio appalto per fare in modo che tutti i lavoratori, e non solo una parte, possano proseguire nella loro attività così come fino a pochi mesi fa”.

A seguito del cambio appalto, infatti, la ditta subentrante ha aperto alla disponibilità di assorbire 7 unità sulle 14 totali. I sindacati fin dall’inizio si sono appellati alla cosiddetta “clausola sociale” chiedendo che la subentrante assorba la totalità del personale. Il tutto nonostante il centro per l’impiego di Siracusa con una nota scritta abbia detto a chiare lettere che per il contratto collettivo nazionale metalmeccanici quella clausola non sia in vigore.

Sulla vicenda erano intervenuti giorni fa anche le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil a sostegno dei metalmeccanici poiché si era ritenuto grave quanto avallato dal Comune sul fatto che nel nuovo capitolato dell’azienda subentrante non fosse previsto il reintegro degli ex Siram.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo