In tendenza

Siracusa, vertenze Top Network, Utilservice e IdealService. La Carasi: “la politica volga lo sguardo anche da questa parte”

Il segretario provinciale della Cisl parla di 79 lavoratori che a oggi si sentono "figli di un dio minore"

Top Network, Utilservice e Idealservice fanno 79. È il risultato della somma dei lavoratori di queste tre aziende impegnate in alcuni servizi del Comune di Siracusa. Sono tra coloro i quali trascorrono una vita da precario. Si sentono abbandonati, la politica dia un segnale anche a loro. Lo faccia presto.” Il segretario generale della Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, torna sulla vertenza precariato che riguarda decine di famiglie. Lo fa dopo avere ricevuto una serie di appelli da parte di alcuni lavoratori delle tre aziende.

A detta del segretario provinciale della Cisl i lavoratori si sentirebbero emarginati, e percepirebbero poco l’interesse della politica per le loro vicende. “Sono cittadini lavoratori – prosegue – di quella società dell’incertezza che, oggi più che mai, ha bisogno di essere compresa e aiutata. Parliamo di 79 persone, di altrettante famiglie. Non si può continuare a far finta che esistano soltanto in prossimità di un cambio appalto o di una campagna elettorale. Il sindacato vive le loro difficoltà ogni giorno, da sempre. In questi giorni le donne e gli uomini impiegati in Top Network, Utilservice e Idealservice, che hanno assicurato servizi fondamentali per i cittadini, continuano a gridare di non essere figli di un dio minore.”

La sindacalista, oltre agli interventi politici per quanto riguarda i lavoratori coinvolti nel bando per il servizio idrico, chiede di volgere anche lo sguardo anche verso un altro pezzo della Siracusa precaria. “Se 22 lavoratori della Top Network saranno a spasso dal 1 luglio, se i 30 della Utilservice e i 27 della IdealService sono ancora in cassa integrazione Covid, è inaccettabile che i politici continuino a disinteressarsi di loro – conclude -. Se il precariato è una scelta politica per l’amministrazione comunale di Siracusa, partiti e movimenti dimostrino di essere altro.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo