fbpx

Siracusa, via alla costruzione di due solarium. Previsti altri interventi in zona balneare

Dubbi sui tempi di realizzazione delle strutture che potrebbero diventare realtà poco prima del 15 agosto, e restare montate almeno fino a settembre

Rendere il mare fruibile a tutti, seppure a stagione estiva inoltrata. Va in questo senso il progetto del Comune di Siracusa, che punta ad effettuare una serie di interventi non solo nella zona mare, ma anche all’interno della città. Tema dibattuto ogni anno è la nascita dei solarium per permettere a tutti di fare un tuffo sotto casa. Quest’anno, a sorpresa visto che inizialmente si era preferito evitare, saranno realizzate due piattaforme in due punti diversi della città: una allo Sbarcadero di Santa Lucia (in Borgata) e l’altro allo scoglio dei “Ru frati” (in via Sicilia).

Quello dei solarium è un motivo d’orgoglio diventato tasto dolente per l’amministrazione comunale, divisa tra una richiesta pressante dei cittadini e spese per la costruzione della struttura.  Tanto che il sindaco aveva chiaramente anticipato che quest’anno l’impresa “solarium” sarebbe stata molto difficile. Ma la voglia di mare in città è troppa, anche se in tempi post Covid bisogna far fronte alle misure di sicurezza che, con ogni probabilità, saranno affidate al buon senso nella speranza che non si ripetano le scene di assembramenti in spiaggia libera. Ci sono ancora dubbi in ogni caso sui tempi di realizzazione delle strutture, che potrebbero diventare realtà poco prima del 15 agosto e restare montate almeno fino a settembre.

Il progetto, però, è più ampio e comprende anche interventi in zona mare, tra questi una rampa pedonale di 25 metri in legno, in contrada Fanusa, in corrispondenza dello sbocco a mare dell’ex via Caboto e via Antonio Vivaldi, nell’ottica di abbattere le barriere architettoniche e permettere l’accesso al mare anche ai disabili. Un altro intervento è previsto alla Costa del Sole, Arenella, dove sarà ricostruito il calpestio in terra della rampa di accesso alla spiaggia pubblica. Infine, terzo intervento in zona mare, un ponticello di collegamento fra i due scogli a Forte Vigliena in Ortigia.

 

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo