In tendenza

Siracusa, Vinciullo passa con la Lega: accordo federativo tra i due movimenti civici e il partito di Salvini

Stamattina nella segreteria politica dell'ex deputato regionale siracusano c'è stata la firma dell'accordo politico tra le parti

Per settimane è stata una voce “forte” che girava nei salotti della politica siracusana. Oggi quella voce è diventata notizia. Vincenzo Vinciullo e i suoi due movimenti “Siracusa protaognista” e “Prima Siracusa” aderiscono alla Lega. Non direttamente ma con un patto federativo. E stamattina nella segreteria politica dell’ex deputato regionale siracusano c’è stata la firma dell’accordo politico tra le parti.

Quello siglato oggi – spiega il segretario regionale della Lega, Nino Minardo -, è un percorso di assieme che si certifica, che mette nero su bianco la storia di un’amicizia personale e di una stima reciproca da sempre con l’onorevole Vincenzo Vinciullo. La condivisione di anni di politica che abbiamo vissuto, nel centrodestra e che, per entrambi, si è mossa, si muove e continuerà a muoversi sul solco dell’idea che ha come obiettivo il Territorio, la sua centralità, la sua valorizzazione e il radicamento in esso, stella polare del nostro comune agire. Oggi, abbiamo certificato tutto questo e reso tangibile un’intesa che poggia sui valori che sono fondamentali per la Sicilia. Sono i nostri, i comuni valori che hanno come riferimento il Popolo siciliano, la sua identità, la tutela del suo oggi e la valorizzazione del suo domani. Che hanno la concretezza di obiettivi assolutamente assonanti fra la Lega e i movimenti ‘Siracusa protagonista’ e ‘Prima Siracusa’ dell’on. Vincenzo Vinciullo.”

Arturo Rizza, Fabio Alota, Mauro Basile, Salvatore Castagnino, Salvo Cannata, Giorgio Chiaramida, Mario Pancari, Gianluca Caruso, Alessandro Cotzia, Giuseppe Culotti, Sebastiano Moncada, Vincenzo Salerno, Antonino Pulvirenti, Corrado Italia, Nazareno Nicotra, Antonio Navanteri, Giuseppe Lombardo, Giuseppe Ferrazzano, Samuele Roggio, Luciano Testa, Dario Andolina, Giovanni Di Stefano, Francesco Drago, Seby Greco, Ivan Quadarella, Giuseppe Sagliola e Francesco Sala – prosegue – sono consiglieri ed assessori, dirigenti locali di queste liste che hanno in Siracusa, nella sua provincia, nel civismo fattivo e reale, nella difesa dell’identità aretusea e siciliana, il proprio ‘credo’, creando la perfetta simbiosi con quello che noi facciamo e l’unione ideale e di ideali tra i due movimenti civici e la Lega che oggi ha certificato questo percorso alla presenza, tra gli altri, del deputato regionale, on. Orazio Ragusa e del commissario provinciale della Lega a Siracusa, Leandro Impelluso.”

Un cammino congiunto che, come ha spiegato Minardo oggi e da Vinciullo nei giorni scorsi, quando già si parlava di un suo possibile traghettamento nel partito di Salvini, parte dalla condivisione di alcuni punti: dal riconoscimento dagli imprescindibili diritti dell’autonomia siciliana previsti dalla Costituzione, dall’identità siciliana, della sua cultura, che per il leghista deve portare a fare in modo che il governo centrale dia risposte concrete all’economia siciliana, destinando risorse per la sanità e per la bonifica delle zone industriali dismesse, restituendo le accise delle produzioni petrolifere, dando i finanziamenti per le Zone Economiche Speciali e le Zone Franche Montane, tutelando gli agricoltori e la loro produzione, il mare e i suoi pescatori.

Lega, ‘Siracusa protagonista’ e ‘Prima Siracusa’ – ancora il segretario regionale – hanno un asse comune del pensiero politico e la nostra è un’unità di intenti naturale, frutto di quella visione uguale e sovrapponibile della politica per la Sicilia e fra i Siciliani e che da sempre abbiamo condiviso nella nostra azione. E questa uguale visione, la stima reciproca, l’amicizia personale che ci lega, sono la pietra miliare posta oggi, di questo ‘cammino’ da fare assieme. Siamo dalla stessa parte come lo siamo sempre stati, attori in quell’idea di una Sicilia del domani, di una Siracusa del domani che sappiano affermare la forza endemica e la capacità di costruirsi, fondate sulle radici di una storia millenaria e di pregio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo