Sistema Siracusa, ricusato il giudice: slitta il patteggiamento a Messina di Calafiore

Lo scorso novembre il Gup del tribunale peloritano aveva rigettato la richiesta di patteggiamento avanzata dai legali di Calafiore, Alberto Gullino e Mario Fiaccavento, giudicando non congrua la pena di  9 mesi e 2 giorni

Il Gup del Tribunale di Messina, Danilo Maffa, non potrà più decidere sulla richiesta di patteggiamento avanzata dall’avvocato Giuseppe Calafiore. È stata quindi accolta la richiesta dei legali di quello che, insieme con l’avvocato Piero Amara, viene ritenuto uno dei “dominus” di quello che da due anni a questa parte viene definito “Sistema Siracusa”.

Già lo scorso novembre il Gup del tribunale peloritano aveva rigettato la richiesta di patteggiamento avanzata dai legali di Calafiore, Alberto Gullino e Mario Fiaccavento, giudicando non congrua la pena di  9 mesi e 2 giorni in continuazione con il patteggiamento di 2 anni e 9 mesi già concordato con la Procura di Roma per l’accusa di corruzione in atti giudiziari. I legali dell’avvocato Calafiore hanno quindi presentato istanza di astensione prima (per avere espresso giudizi che contenevano implicitamente un’affermazione della responsabilità penale) e di ricusazione poi nei confronti del Giudice per le udienze preliminari.

Richiesta oggi accettata e che quindi porterà a un rinvio per l’udienza prevista per venerdì in cui si sarebbe dovuta trattare nuovamente la richiesta di patteggiamento. Prima ci sarà da nominare un nuovo giudice.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo