fbpx

Bollo auto, al via procedura esenzione per i redditi più bassi

Solarino, 18 guardie dell’associazione Aeza concludono il corso di primo soccorso

I 18 sono stati certificati con i corsi da operatori esecutori di Blsd – Pblsd (Basic Life Support and Defibrillation), e Phtc – Pre Hospital Trauma Care Basic

Continua l’impegno per gli Istruttori Nazionali di Blsd del Centro di Diretta Emanazione e Formazione dell’associazione Ambiente e Salute accreditato da AssoFormatori, nel diffondere la cultura del Primo soccorso e in particolar modo della rianimazione cardio polmonare, (BLS), uso del defibrillatore semi-automatico esterno (DAE), Disostruzione (Adulto, Bambino e Lattante) e gestione del paziente traumatizzato.

Protagonisti il team di istruttori nazionali di Blsd – Pblsd di AssoFormatori, formatore Giuseppe Laurettini e istruttore Antonino Lentinello. Grazie al sostegno del centro servizi volontariato etneo nell’ambito dell’accompagnamento formativo, è stato possibile formare i 18 volontari dell’Associazione Guarda Nazionale A.E.Z.A. di Solarino presieduta da Concetto Randieri, sono stati certificati con i corsi da operatori esecutori di Blsd – Pblsd (Basic Life Support and Defibrillation), e Phtc – Pre Hospital Trauma Care Basic.

Siamo davvero entusiasti – spiega il formatore nonchè direttore del centro formativo, Giuseppe Laurettini – che grazie al Csve che ci supporta in diverse attività e progetti da diversi anni, siamo riusciti a formare i volontari Aeza con sede a Solarino, che quotidianamente sono impegnati nell’assistenza della popolazione e in attività di Ecologia, Zoofila Ambientale, Ittica Venatoria, Guardiaboschi e Protezione Civile, abbiano riconosciuto di certificarsi per essere pronti a qualunque evenienza, e salvare una vita.”

Ci auspichiamo che la nostra missione – concludono Laurettini e Lentinello  – venga sposata da numerose persone al fine di diffondere sempre più la cultura del primo soccorso riducendo così il numero delle vittime che purtroppo ancora oggi sono numerose. Le statistiche nazionali parlano infatti di circa 75.000 persone morte da arresto cardiaco improvviso. Per questo motivo il nostro progetto è quello di diffondere una rete di defibrillatori in luoghi pubblici e formare l’intera comunità a saper intervenire attraverso il nostro slogan che grazie alla “Conoscenza” si può fare la differenza e “Riuscire a Salvare una Vita equivale a Salvare il mondo intero”.

Prosegue anche l’impegno di diffusione delle manovre salvavita di Disostruzione Pediatrica in diverse strutture pubbliche e private della città che hanno già aderito all’iniziativa.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo