Solarino, carenza idrica: l’opposizione chiede aiuto al Prefetto

A due consiglieri di minoranza non è stato concesso di partecipare alla riunione tra sindaco e cittadini

Immagine di repertorio

La questione idrica continua a tenere acceso il dibattito a Solarino tanto che ieri sera, durante la seduta del Consiglio comunale, sebbene all’ordine del giorno vi fosse tutt’altro tema, dalle file dell’opposizione Noemi Inturrisi ha voluto tornare a parlare della questione non celando il proprio malcontento per quanto avvenuto poche ore prima in Comune, durante l’incontro fra il primo cittadino e una delegazione di cittadini senza acqua da giorni.

“Ci dispiace, signor sindaco, per il comportamento tenuto con due Consiglieri di opposizione, entrambe donne, che educatamente hanno chiesto di presenziare all’incontro per dare il proprio contributo – ha affermato la Inturrisi parlando anche a nome della collega Amalia Valenti –. Ci ha, letteralmente, buttato fuori dal suo ufficio, in presenza di alcuni cittadini, dell’ingegnere capo, del Consigliere Terranova e della presidente Manigrasso, impedendoci di esercitare il nostro ruolo istituzionale”.

E dopo la richiesta di spiegazioni sull’accaduto, le due hanno abbandonato l’aula insieme con gli altri componenti della minoranza, in segno di protesta contro una situazione che interessa una buona fetta della città.

“Nonostante tutto sia accaduto sotto gli occhi di cittadini e funzionari comunali il sindaco ci ha accusato di essere bugiarde” spiega la Inturrisi che poi annuncia la decisione del gruppo di opposizione di rivolgersi al Prefetto perché intervenga per risolvere la questione dell’acqua una volta per tutte: “stiamo già preparando l’istanza da rivolgere al Prefetto così da poter dare risposte concrete ai cittadini che da circa 10 giorni vivono questo enorme disagio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo