Srr ferme al palo, anche a Siracusa arriva un commissario: dovrà trovare siti su cui costruire nuovi impianti per i rifiuti

La nomina a commissario ad acta ha la durata di sei mesi. Entro questo termine Sebastiano Conti Nibali dovrà individuare i siti per il trattamento dei rifiuti

Un commissario che avrà il compito di individuare dei siti idonei tra le province di Catania, Messina, Siracusa e Ragusa e avviare la progettazione per realizzare gli impianti pubblici che accompagneranno l’aumento della raccolta differenziata. Ad annunciarlo è Alberto Pierobon, assessore regionale all’Energia e ai Rifiuti.

Da quando questo governo regionale si è insediato non si è risparmiato un solo minuto – dice -. Abbiamo lavorato senza sosta per recuperare decenni di ritardi e rimettere ordine a un settore, quello dei rifiuti, nel caos più totale. Abbiamo agito per aiutare i Comuni ad aumentare la differenziata, abbiamo lavorato ai documenti di pianificazione regionale e abbiamo rivisto le norme che non andavano.”

L’assessore regionale ricorda come in Giunta sia stato deliberato di stanziare 75 milioni di euro per finanziare progetti di nuovi impianti pubblici e 100 milioni per futuri progetti. “Non è bastato – prosegue l’assessore -, perché alcune Srr non hanno sfruttato questa occasione. Siamo convinti che questi processi debbano partire dal basso, ma troppo tempo è passato, basta ritardi”. Da qui il decreto di nomina di un commissario che si sostituirà alle Srr e che dovrà trovare siti su cui costruire nuovi impianti. L’obiettivo è quello di evitare la “paralisi” della differenziata, come sta già lentamente accadendo anche a Siracusa con la raccolta dell’organico a “singhiozzo” a causa di impianti di conferimento ormai saturi.

Stiamo anche intervenendo per trovare soluzioni ai problemi contingenti – conclude Pierobon -, ma se tutti collaboreremo lungo questo percorso, con l’obiettivo comune di migliorare questa terra, presto riusciremo a raggiungere il traguardo. Buon lavoro al commissario Conti Nibali, andiamo avanti.

La nomina a commissario ad acta ha la durata di sei mesi. Entro questo termine Sebastiano Conti Nibali dovrà individuare i siti per il trattamento dei rifiuti, in linea con gli strumenti di pianificazione provinciale e d’ambito. Fra le sue mansioni, inoltre, c’è quella di avviare i procedimenti per la realizzazione dei progetti degli impianti, e di accompagnarli verso l’approvazione tecnica e amministrativa


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo