In tendenza

Stato di agitazione tra il personale del 118

Stato di agitazione tra gli infermieri operanti in regime di incentivazione (fuori orario di servizio) nel 118

Angeli dal camice bianco, pronti sempre a intervenire in tutti i tipi di emergenze: dagli incidenti più gravi ai semplici malori; basta chiamare la centrale operativa, una serie di domande e tutto viene prontamente smistato alla sezione territorialmente competente.
Ma ora protestano per le incentivazioni che non arrivano

La rivendicazione:
“Il pagamento delle spettanze dovute è stato sospeso dall’AUSL 8 lo scorso 28 marzo dopo la conferma da parte dell’Azienda Ospedaliera “Cannizzaro” di Catania di non volere erogare le somme destinate alle postazioni di Lentini, Pachino, Palazzolo Acreide e Sortino – lamenta la CISL, portavoce delle rimostranze dei lavoratori.


Solo lo spirito di servizio e la responsabilità professionale e sociale degli infermieri
– commenta Sebastiano Costanzo del settore Sanità della FPS in un comunicato – hanno fatto sì che il servizio venisse garantito, fino ad oggi, senza alcuna interruzione.


I lavoratori, insieme alla FPS Cisl di Siracusa, hanno indirizzato una dettagliata nota all’assessorato regionale alla Sanità, al direttore generale dell’Ausl 8, all’Azienda ospedaliera “Cannizzaro” ed ai sindaci di Sortino, Lentini, Pachino e Palazzolo Acreide”.


La Risposta del Commissario Straordinario AUSL 8

“Le direttive assessoriali – risponde prontamente il Commissario Straordinario Ignazio Tozzo – prevedono, dall’anno 2008, l’accreditamento delle risorse per la gestione del Servizio 118 (per tutte le postazioni o ambulanze, quindi P.T.E., C.M.R. e ambulanze di tipo A) all’Azienda di riferimento del bacino – nella fattispecie del bacino Catania-Siracusa-Ragusa – e cioè all’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania.


Soltanto con una nota del 9 luglio 2008 l’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania ha formalizzato i propri dubbi e una richiesta di chiarimenti all’Assessorato regionale alla Sanità ipotizzando una carenza di trasferimento di fondi da parte dell’Assessorato al proprio indirizzo nella qualità di Azienda capofila.


Al fine di risolvere nei limiti del possibile lo stato di sofferenza degli operatori del 118 ed attenuare prevedibili disagi al funzionamento del Servizio di emergenza, la Direzione generale dell’Ausl 8 ha stabilito con nota dell’11 luglio 2008 di anticipare comunque ai propri dipendenti i compensi di cui trattasi, nelle more della ulteriore concertazione presso l’Assessorato regionale alla Sanità richiesta dall’Azienda ospedaliera Cannizzaro.


La Direzione Aziendale dell’Ausl 8, con le proprie determinazioni, ha contribuito spontaneamente a risolvere le lamentele segnalate per tutte le postazioni di Sortino, Lentini, Pachino e Palazzolo Acreide, sia pure per i propri dipendenti, ed auspica che la stessa sensibilità dimostrino anche le altre Aziende da cui dipende il resto degli operatori”

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo