In tendenza

Strappo in Forza Italia. Ternullo critica la scelta di sostenere Cannata ad Avola ma Alicata rintuzza e mette in dubbio la sua candidatura alle Regionali

Strappo definitivo tra il partito e la parlamentare regionale. Anche perché, come ammesso dallo stesso Alicata, Forza Italia intende sostenere il sindaco uscente Giuseppe Carta. Amico del partito ma nemico della Ternullo

Un vero e proprio terremoto sta scuotendo Forza Italia in vista delle elezioni amministrative ad Avola (e non solo) dopo la scelta del partito di convergere e sostenere (insieme con tutto il centrodestra a eccezione di Udc, Lega e Mpa) la candidatura di Rossana Cannata. A far precipitare la situazione in casa degli azzurri è stata la dichiarazione d’intenti riportata stamattina dal nostro quotidiano (su AvolaNews) con cui la parlamentare ed ex ministro Stefania Prestigiacomo, pezzo da 90 di FI, ha ufficializzato – di concerto con il commissario provinciale del partito Bruno Alicata – il pieno sostegno alla candidatura a sindaco di Rossana Cannata (ufficializzata ieri). Una decisione non nuova, visto che già ad inizio febbraio tutto il centrodestra, Forza Italia inclusa, aveva chiesto a gran voce la candidatura a sindaco dell’attuale parlamentare regionale e sorella del primo cittadino di Avola, Luca Cannata.

Parole e fatti che però sembrano aver sorpreso la Ternullo, che oggi, a stretto giro di posta dall’endorsement di Prestigiacomo e Alicata, ha etichettato quelle dichiarazioni come una “presa di posizione individuale, non discussa con la base. E per rincarare la dose la deputata regionale ha anche affermato di aver discusso con il leader regionale del partito, Gianfranco Miccichè per “fare chiarezza”.

A sgomberare il campo sulla scelta del sostegno alla Cannata, seppur provocando un’altra scossa nel partito tutt’altro che indifferente, ci ha pensato il commissario provinciale di Forza Italia, Bruno Alicata. L’ex senatore non solo rivendica la scelta di sostenere la Cannata, ma etichetta come “scortesi” dal punto di vista istituzionale le parole della Ternullo. Per Alicata le parole della parlamentare all’Ars “suscitano incredulità e non poco dispiacere, parla o straparla di “alcuni esponenti di Forza Italia…”, che avrebbero deciso in solitudine di appoggiare ad Avola la candidatura a Sindaco dell’on. Rossana Cannata. Com’è infatti noto a tutti, il partito, dopo sani e sereni confronti, soprattutto in sede locale, ha deciso di sostenere tale candidatura, ritenuta idonea e meritevole”.

Il commissario provinciale, poi, ricorda alla Ternullo come Forza Italia non abbia imposto dall’alto alcuna scelta, ma che il deciso sostegno a Rossana Cannata sia nata “lasciando sempre ai territori e quindi ai riferimenti locali del partito la facoltà democratica di assumere decisioni in tal senso, non in altre sedi. Pertanto, nessuna “presa di posizione individuale non discussa dalla base”, come falsamente affermato dalla stessa”.

Ma l’ex senatore sposta lo sguardo oltre, ritenendo che l’uscita della Ternullo sia dettata da logiche che vadano ben oltre le imminenti elezioni amministrative (le regionali di ottobre). “La scelta del candidato sindaco – spiega Alicata – non viene fatta in funzione della eventuale, futura campagna elettorale dell’onorevole Ternullo, ma degli interessi del partito e della coalizione. Ancora, risulta risibile e strumentale il riferimento alla passata militanza, e quindi al presunto tradimento di Forza Italia, da parte della Cannata. Un po’ come il bue che dice cornuto all’asino, considerato che la Ternullo avrebbe “tradito” i Popolari e Autonomisti siciliani, per approdare, peraltro ben accolta, in Forza Italia.

Parole chiare e nette che sembrano quasi uno strappo definitivo tra il partito e la parlamentare regionale. Anche perché, come ammesso dallo stesso Alicata, “è chiaro che gli “esponenti” del nostro partito che non dovessero attenersi alle indicazioni già ufficializzate rischieranno di non essere candidati in altre prossime competizioni, non essendo ammesso sostenere candidati a sindaco diversi da quelli ufficiali laddove si voti.” Ad Avola come a Melilli, dove Forza Italia per stessa ammissione di Alicata intende sostenere il sindaco uscente Giuseppe Carta. Amico del partito ma nemico della Ternullo. Proprio come ad Avola.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo