fbpx

Tennis, Matteo Covato chiude la stagione col “botto”: esordio vincente nei tornei Itf Under 18 a Nairobi

Con i risultati conseguiti il giovane talento di Rosolini anticipa di un semestre la programmazione per la stagione 2020

Sono in pochi gli Under 14 europei che quest’anno si sono cimentati nei tornei Itf Under 18 e tra questi troviamo il giovane talento siracusano Matteo Covato che si allena nei campi del Cus e del Mediterraneo di Catania assieme ai maestri Rizzo e Di Mauro  coadiuvati dal maestro Alessandro Torrisi e dal preparatore Atletico Angelo Leonardi.

A fine anno L’esordio nei tornei Under 18 è stato un fuori programma esaltante e inaspettato. In accordo con il suo tecnico hanno anticipato i tempi e deciso di cimentarsi nei primi tornei Itf under 18 che inizialmente erano in programmazione nella seconda metà del 2020. L’occasione era ghiotta, tre tornei di seguito in Kenya con l’obiettivo di racimolare qualche punticino.

Nella prima settimana a Nairobi (un Itf Under 18 grado 5 a 48 ) il tennista siracusano ottiene una wild card per il main draw e dopo aver superato il primo turno battendo un tennista canadese con il punteggio di 7/5 7/5 al secondo  turno batte la testa di serie numero 6 con il punteggio 7/6 5/7 10/8. È stata grande la soddisfazione perché con questo match ha conquistato i primi due punti Itf. Questo risultato sarebbe potuto già bastare ma è solo l’inizio di ciò che la trasferta Keniana ha riservato al tennista siracusano.

Nel secondo torneo di pari livello Matteo parte dalle qualificazioni e con un crescendo impressionante vince 5 match consecutivi e tutti combattutissimi contro avversari di ottimo livello e la sua corsa si ferma solo ai quarti di finale contro la testa di serie numero 1 del torneo. Nel frattempo sono stato acquisiti altri 5 punti che aggiunti ai primi due valgono oro e impreziosiscono la trasferta.

Fin qui qualcosa di inaspettato ma è nel terzo torneo ( ITF grado 4) dove succede l’inimmaginabile.  Matteo partiva ancora una volta dalle qualificazioni e la sera in cui viene pubblicato il tabellone principale il giovane siracusano è preoccupato perché al secondo turno del main draw avrebbe incontrato la testa di serie numero 2 e 300 al mondo. Matteo inizia bene, si qualifica e supera il primo turno del main draw.

Ai sedicesimi era la volta di affrontare la testa di seria numero due. Il tennista di Rosolini quel giorno entra in campo nel modo giusto, senza tensione, sapendo che non aveva niente da perdere e che comunque la sua avventura in Kenya era già stata più che positiva.

Ma succede l’incredibile, Covato gioca un tennis fluido e disinvolto. Capisce sin dalle prima battute che tutto funziona alla perfezione. Il servizio fa male, i fondamentali lasciano il segno e dopo aver dominato in lungo e in largo l’avversario si trova a servire per il match nel punteggio di 6/3 5/2 con il punteggio di 40-0, vale a dire con tre match point a disposizione. Fallito il primo, l’avversario di 4 anni più grande tenta il tutto per tutto per destabilizzare Matteo. Al termine di una breve polemica sul punteggio il giovane tennista siciliano andava al servizio sul 40-15 e al secondo tentativo serve una prima imprendibile che consegnava il match, suggellando forse la miglior vittoria del 2019 (sicuramente quella più inaspettata ).

Nei giorni successivi Covato si aggiudicava altri 4 match conquistando una semifinale e un terzo posto assoluto in un torneo che sin dall’inizio sembrava compromesso. Con la conquista di ben 25 punti il tennista di Rosolini brucia le tappe e anticipa di almeno 6 mesi la programmazione 2020.

A questo punto della stagione e con il morale a mille Matteo dopo una breve pausa di riposo riprenderà a testa bassa la preparazione per il nuovo anno tennistico.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo