In tendenza

Tennistavolo, week end in chiaroscuro per le formazioni siracusane

In B1 sconfitte sia il Vigaro sia il Città di Siracusa. Anche la formazione del Vigaro impegnata in B2 deve incassare una sconfitta mentre a sorridere sono Robur Noto e Vigaro

In serie B1 di Tennistavolo, nella seconda giornata di campionato, sia il Città di Siracusa che la VI.GA.RO., entrambi impegnati in trasferta, hanno rimediato due sconfitte. A Lecce, contro il T.T. Salento Cooburn, il Città di Siracusa si è dovuto arrendere, per 5-3, alla squadra pugliese. Da rilevare, fra le fila della squadra siracusana, una pesante assenza, quella di Qudus Ghazal, che è risultata determinante ai fini del risultato finale. Sebbene in formazione rimaneggiata, il Città di Siracusa ha dato filo da torcere agli avversari, perché Manuel Moncada, con due vittorie e Marcello Arcigli con un successo, hanno lottato con grande determinazione vendendo cara la pelle.

Contro il Fiaccola “A” Castellana Grotte, la VI.GA.RO. ha subito una sconfitta non del tutto preventivata per 5-2. Gli unici due punti per la società siracusana, che ha schierato Francesco Mollica, Salvo Ganci e Fabio Amenta sono stati realizzati, uno ciascuno, da Ganci e Amenta.

In B2, la VI.GA.RO. Siracusa viene superata in casa dalla temibile Pongistica Messina con il punteggio di 5-3. Per la squadra del presidente Giuseppe Gamuzza i punti sono stati realizzati (due) da un combattivo Steven Barberi e (uno) da Angelo Bianca.

Dalla serie C1 arrivano due squillanti successi. Pronto riscatto del Robur Noto “Corrado Iacono” che a Enna rifila un secco 5-0 al T.T. Ausonia. I protagonisti del successo sono stati Francesco Pelligra e Vincenzo Alessi che, con grande disinvoltura, hanno realizzato una doppietta ciascuno, ben supportati dall’intramontabile Gildo Mollica, autore di un punto. La VI.GA.RO. Siracusa, supera in casa per 5-1 il Tauromenion, evidenziando una netta superiorità sugli ospiti. Gli incontri sono stati vinti da Francesco Vitaliti e Adolfo Reale (entrambi con due punti) e da Giuseppe Gamuzza (un punto).


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo