fbpx

Riapertura di nidi e materne: approvate le linee guida per la ripresa delle attività

Un arresto cardiaco fatale per Peppino Rizza: oggi la salma torna a Notoh

Stamattina è arrivato anche il tweet di Giorgio Chiellini: "Ci mancherai Peppino" ha scritto il capitano della Juve sul suo profilo

Un arresto cardiaco ha causato la morte di Peppino Rizza, il suo cuore non ha retto dopo un mese di agonia e, a quanto pare, negli ultimi giorni era arrivata anche una febbriciattola.

Oggi la salma ritornerà a Noto dove domani saranno celebrati i funerali: alle 15 in Cattedrale. Ancora incredula la città, così come i tanti amici e compagni di squadra.

Stamattina è arrivato anche il tweet di Giorgio Chiellini: “Ci mancherai Peppino” ha scritto il capitano della Juve sul suo profilo.

Nato a Noto l’8 aprile 1987, dopo essere cresciuto nel settore giovanile della Juve, giocando anche insieme a Marchisio, Rizza aveva vestito le maglie di Rosolini, Livorno, Arezzo, Pergocrema, Juve Stabia e Nocerina. La sua ultima squadra, quella con la quale era tesserato attualmente, è stata la Rinascita Retina, squadra siciliana di Prima Categoria.

Peppino Rizza è morto a soli 33 anni, un mese dopo l’aneurisma celebrale che lo aveva colpito all’improvviso. Era rimasto in coma fino al 22 giugno, giorno in cui lentamente aveva riaperto gli occhi e cominciato a riconoscere le persone, tra cui i suoi familiari, mai un minuto lontano da lui.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo