In tendenza

Un protocollo tra Noto, Avola e Siracusa per il piano di utilizzo della pre riserva di Cavagrande

Le spese da sostenere saranno divise in maniera proporzionale rispetto alla percentuale di territorio interessato: il 48,1% per Noto, il 34,7% per Avola e il 17,2% per Siracusa

I comuni di Noto, Avola e Siracusa pronti a firmare un protocollo d’intesa per dotare la zona B della Riserva naturale di Cavagrande di un piano di utilizzo. Un modo per velocizzare l’iter, individuando nel Comune di Noto il comune capofila che dovrà provvedere al conferimento dell’incarico alla società o al professionista che si occuperà della redazione del piano di utilizzo.

Piano di utilizzo che viene considerato strategicamente fondamentale per una gestione migliore del territorio: dovrà garantire una armonica integrazione del territorio dell’area di protezione nel sistema di tutela ambientale della riserva e dovrà poi essere proposto all’assessorato regionale Territorio e Ambiente.

Inoltre, il nuovo piano deve avere le caratteristiche di piano particolareggiato, nella previsione della localizzazione delle iniziative e dovrà prevedere per nuovi insediamenti di qualsiasi tipo una fascia di rispetto di metri 100 dal confine della riserva ad eccezione di prescrizioni più restrittive e dovrà utilizzare prioritariamente gli immobili eventualmente esistenti. Infine, il piano dovrà contenere una serie di prescrizioni in rapporto alla tipologia costruttiva ed all’ambientazione delle costruzioni, nonché una disciplina specifica relativa ai limiti ed alle caratteristiche di manufatti necessari alle attività agricole.

E’ prevista anche la costituzione di un tavolo tecnico, con il coordinatore riconosciuto in un tecnico del Comune di Noto e di cui faranno parte anche rappresentanti dei comuni di Avola e Siracusa. Le spese da sostenere saranno divise in maniera proporzionale rispetto alla percentuale di territorio interessato: il 48,1% per Noto, il 34,7% per Avola e il 17,2% per Siracusa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo