In tendenza

“Usermontu: il visir dell’Alto Egitto dimenticato”: riprendono al Museo del Papiro le conferenze in presenza

Paolo Marini è curatore al museo Egizio di Torino, dove tra l’altro coordina le mostre itineranti internazionali

Riprendono al Museo del Papiro “Corrado Basile” le conferenze in presenza. Venerdì 30 luglio alle 18,30, l’egittologo Paolo Marini, curatore al Museo Egizio di Torino, parlerà di “Usermontu: il visir dell’Alto Egitto dimenticato”. Introduce e modera il prof. Massimo Cultraro (Cnr-Ispc, Catania).

Tutankhamon è uno dei faraoni più celebri dell’antico Egitto, eppure molto poco si sa del suo regno e dei membri della sua corte. Tra questi doveva distinguersi Usermontu, visir dell’Alto Egitto. La mummia e la tomba del visir sono andate perdute, ma grazie a un’attenta analisi delle poche testimonianze archeologiche superstiti è stato possibile ridefinire i contorni sbiaditi di un personaggio che rivestiva cariche cruciali nel periodo storico segnato dalla restaurazione e dal ritorno all’ortodossia religiosa, dopo la crisi amarniana.

Paolo Marini è curatore al museo Egizio di Torino, dove tra l’altro coordina le mostre itineranti internazionali; ha curato le mostre “House of Eternity”, esposta in Cina e in Brasile, ed “Egypt of Glory”, in Finlandia ed Estonia. All’attività museale affianca quella archeologica svolta in Egitto.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo