In tendenza

Xuto Medieval Re-live: a Sortino il primo festival medievale. Auteri (FdI): “migliaia di visitatori. Un bel momento di valorizzazione del territorio”

Ricreato il paesaggio medievale con feste di corte, duelli, tornei, giochi e antichi mestieri, accampamenti di dame e cavalieri, mercanti e ancora i piaceri della cucina siciliana del Medioevo, la musica itinerante e gli spettacoli

Il primo Xuto Medieval Re-live di Sortino è stato un successo. Un viaggio straordinario, il fine settimana appena trascorso, nel tempo con un ricco programma fatto di avventure medievali che spazia dalla musica alle arti circensi, dalla scherma antica agli stage di rievocazione storica.

“Il festival medievale è partito in sordina – dice soddisfatto il deputato regionale sortinese di FdI Carlo Auteri – e ha registrato la presenza di migliaia di persone oltre a valorizzare il convento dei frati Cappuccini, uno dei più belli della provincia. Tanti i giovani curiosi che si sono avvicinati a questa manifestazione e hanno potuto scoprire tradizioni, arti e combattimenti del medioevo. Un bel momento culturale e di valorizzazione del territorio”.

Xuto medieval re-live ha ricreato il paesaggio medievale con feste di corte, duelli, tornei, giochi e antichi mestieri, accampamenti di dame e cavalieri, mercanti e ancora i piaceri della cucina siciliana del Medioevo, la musica itinerante e gli spettacoli.

“Non ci aspettavamo nemmeno tutti questi visitatori – ammette – ma evidentemente c’è un terreno su cui lavorare. Il turismo è la chiave di volta per risollevare i nostri comuni, al momento non c’è un’idea imprenditoriale, le chiese rimangono chiuse e manca un’idea di sviluppo turistico e culturale. Abbiamo tanti beni ma manca una direzione che possa valorizzarla, un’idea di turismo che possa guidare a un percorso unico. Siamo sulla strada giusta, ma dobbiamo ancora fare tantissimo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni