L’industria sostenibile si racconta: a Siracusa il “caso” Sasol Italy

Continuare a investire sul territorio, conseguendo obiettivi sempre più importanti nella sicurezza e salute sul luogo di lavoro, nella tutela dell’ambiente, nel rapporto con la comunità e con le istituzioni, tra gli obiettivi della società sudafricana

Augusta, La Sasol inaugura due nuovi impianti alla presenza del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia

Continuare a investire sul territorio, conseguendo obiettivi sempre più importanti nella sicurezza e salute sul luogo di lavoro, nella tutela dell’ambiente, nel rapporto con la comunità e con le istituzioni, coinvolgendo attivamente nel dialogo i rappresentanti sindacali nazionali e locali, le associazioni datoriali, le istituzioni, ed anche i media e la cittadinanza.

Con questo intento Sasol Italy, multinazionale chimica sudafricana che ha il suo principale stabilimento nel polo petrolchimico di Augusta, promuove “La giornata dell’industria sostenibile”, il prossimo 12 novembre a Siracusa.

Durante la giornata interverranno il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci (non ancora confermato), i Segretari confederali con delega all’industria di Cgil, Cisl e Uil, Vincenzo Colla, Angelo Colombini e Tiziana Bocchi, i Segretari generali del settore chimico, Emilio Miceli, Nora Garofalo e Paolo Pirani, e i rappresentanti delle Associazioni datoriali, Andrea Bianchi, Direttore delle Politiche industriali di Confindustria e Andrea Piscitelli, Direttore delle Relazioni industriali di Federchimica.

Insieme ai Vice Presidenti di Sasol Italy, Filippo Carletti e Sergio Corso, si parlerà di come il proficuo rapporto con le istituzioni e le buone relazioni industriali siano leve indispensabili per uno Sviluppo sostenibile e inclusivo dal punto di vista economico, sociale e ambientale.

Sasol considera la Sicilia una Regione strategica e ricca di opportunità dal punto di vista industriale ed economico – afferma Sergio Corso, Vice Presidente Operation Sasol Italy -, una Regione nella quale continuare a investire. Questa giornata nasce con l’obiettivo di favorire un dialogo aperto e continuo col territorio e con tutti gli stakeholder. Vogliamo raccontarci, mostrando i risultati del nostro impegno per la sostenibilità, e programmare un futuro imprenditoriale più solido e una sostenibilità di lungo termine al nostro stabilimento”.

Vanno in questa direzione i molti investimenti degli ultimi anni per lo sviluppo sostenibile, che hanno portato miglioramenti tangibili, come la riduzione del 50% delle emissioni in atmosfera, l’annullamento delle emissioni di anidride solforosa grazie a un impianto di Cogenerazione, l’impianto per il recupero delle acque reflue, l’utilizzo del solo gas metano come combustibile. E per il futuro ci sono già nuovi investimenti in cantiere.

In Sasol Italy – conclude Filippo Carletti, Vice Presidente e Amministratore Delegato di Sasol Italy – non smettiamo di fare progetti e investire risorse nei nostri siti produttivi, migliorando continuamente i processi, diversificando il portafoglio prodotti e ricercando nuove materie prime e nuove tecnologie. L’obiettivo è restare competitivi e garantire un futuro all’azienda e ai dipendenti. Un futuro che porti sviluppo a questa terra, sempre che ci sia anche il giusto supporto da parte del contesto circostante”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo