Pallamano, l’Albatro riabbraccia Gabriele Sortino

Dopo un anno Gabriele ritorna libero di rientrare nella società del presidente Vito Laudani e di mettersi, da subito, a disposizione del tecnico Giuseppe Vinci

gabriele-sortino

Gabriele Sortino, talentuosa ala sinistra classe 2003, cresciuto sportivamente nei centri giovanili dell’Albatro da dove ha iniziato un rapido percorso dalle selezioni regionali, seguito dal tecnico Giuseppe Vinci, e subito approdato nella nazionale Under 17/18 di Beppe Tedesco, torna a vestire la maglia dell’Albatro.

Dopo l’assenza di un anno, le resistenze e il rifiuto al trasferimento della associazione per cui si era tesserato lo scorso anno, e grazie all’intervento diretto della Federazione Nazionale che ne ha decretato d’ufficio la risoluzione dal vincolo, Gabriele ritorna libero di rientrare nella società del presidente Vito Laudani e di mettersi, da subito, a disposizione del tecnico Giuseppe Vinci e del suo “secondo” Gianni Attanasio per la serie A2M, del preparatore Enzo Comitini e del tecnico Gianni Calvo per l’Under 17M

Sono particolarmente felice – dichiara il presidente Vito Laudani – che Gabriele sia tornato a far parte della nostra rosa atleti. Il suo arrivo completa il gruppo dei giovani ragazzi siracusani provenienti dai nostri centri giovanili su cui la società sta investendo per un futuro sportivo di soddisfazioni sportive e di crescita. Anche quest’anno abbiamo allestito una squadra con una media al di sotto dei 21 anni di età, con un solido gruppo di ragazzi siracusani che grazie al lavoro incessante dei tecnici, saranno pronti a diventare protagonisti dell’imminente campionato di serie A2

Sono molto contento – commenta Gabriele Sortino – di tornare a vestire i colori della Teamnetwork Albatro, società con cui ho mosso i miei primi passi nella pallamano. Ringrazio dirigenti e tecnici della società per l’affetto con cui mi hanno accolto. Non vedo l’ora di ricominciare a dare il massimo, come ho sempre fatto, per la squadra in un campionato come quello di serie A2 che si prospetta difficile.”

Gabriele è tornato nel suo luogo naturale, – commenta, lapidario, coach Peppe Vinci – L’Albatro è casa sua e qui darà il meglio delle sue potenzialità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo