Covid, a Siracusa sono 159 i nuovi contagi. Musumeci: “in Sicilia vaccini J&J a metà aprile”

In tendenza

Floridia, “Chi non lotta per paura di perdere, non perde ma non vince”: ieri comizio del candidato Carianni

Marco Carianni ha chiuso il suo primo comizio dal palco più importante della campagna elettorale

Chi non lotta per paura di perdere, non perde ma non vince. E noi lottiamo con la consapevolezza di poter vincere insieme”. Marco Carianni ha chiuso così il suo primo comizio dal palco più importante della campagna elettorale, quello di piazza del Popolo.

Ieri sera, il giovane impiegato contabile ha parlato nel centro cittadino ai floridiani: linguaggio semplice e diretto, anche quando ha scelto di rispondere agli attacchi ricevuti in questi ultimi giorni. “Intendiamo il dibattito politico come un momento di confronto – ha detto il candidato -, in cui spieghiamo alla gente cosa vogliamo fare per questa città. I cittadini si interrogano, e noi non possiamo rispondere alle loro domande con il linguaggio dell’odio. Parlare male degli altri non ci consentirà di risolvere i problemi della nostra gente. Se lo facessi, mancherei di rispetto ai floridiani”.

Dal palco, davanti a centinaia di persone che hanno sfidato il forte vento e la temperatura autunnale per esserci, e che lo hanno spesso interrotto con gli applausi, Carianni ha parlato di raccolta differenziata (con l’acquisto dei cassonetti intelligenti per migliorare le percentuali nei condomini), di sicurezza urbana con l’installazione di oltre 120 impianti di videosorveglianza, di abbattimento delle barriere architettoniche nelle scuole e di idrico, con l’obiettivo di risolvere i disagi degli abitanti dei quartieri Marchesa e Santuzzo che da anni convivono con l’assenza di acqua.

“Bisognerà realizzare una trivella alla Marchesa, e fare un’opera di riqualificazione delle condotte idriche. Questo ci consentirà di evitare che la dispersione delle risorse idriche incidano sulle bollette dei cittadini. Per il randagismo, abbiamo in mente una seria politica di sterilizzazione, in accordo con l’Asp. Se, in futuro, dovessi scegliere fra la festa dell’Ascensione e la mensa scolastica, o il trasporto alunni pendolari, non avrei dubbi: sceglierei la mensa e il trasporto, e la festa la realizzerei comunque valorizzando gli artisti floridiani”. Prima della chiosa finale, il gesto di galateo politico di lasciare il palco al candidato sindaco Gaetano Gallitto che ha comiziato in seguito.

“Chiunque dimostri di avere ambizioni per ricoprire cariche pubbliche non deve mai abbandonare lo studio, che consente di risolvere i problemi – ha concluso Carianni -. Chi vuole fare politica, oltre alle competenze e alle capacità, deve essere sensibile e umile, e deve stare fra la gente”. Il prossimo appuntamento per Carianni con piazza del Popolo è fissato per il prossimo 2 ottobre alle 20, in vista del voto del 4 e 5 ottobre.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo