fbpx

Floridia, la scuola dell’Infanzia batte il covid: bimbi riuniti sul web per mettere in scena “Zorba e Fifì”

I piccoli del IV IC Quasimodo di Floridia hanno dato scacco matto alla pandemia e realizzato lo spettacolo di fine anno e reso omaggio a Luis Sepulveda

Bimbi separati dal covid e riuniti, solo virtualmente, da una delle più belle favole del secolo scorso, scritta da uno degli autori più amati, vittima proprio del covid che lo ha ucciso il 16 aprile 2020.

Così “La storia della gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” di Luis Sepulveda ha preso vita grazie ai piccoli alunni della IIIB della scuola dell’Infanzia del IV istituto comprensivo Salvatore Quasimodo di Floridia che hanno messo in scena, anzi on line, lo spettacolo dedicato all’opera dello scrittore cileno, realizzando un vero e proprio cortometraggio.

L’opera, interamente messa in rima dalle insegnanti che hanno adattato le varie parti ai propri alunni inserendo strofe e balletti, è frutto di un lavoro di squadra, e di innumerevoli messaggi scambiati su WhatsApp, delle 5 docenti (Angela Berlinghieri, Rosanna Calvo, Francesca Dugo Giusy Gibilisco e Rosita Pavano) e delle famiglie che da subito hanno sposato l’idea.

Ne è nato un piccolo spettacolo, pieno di valori e sentimenti, come è tipico delle opere di Sepulveda, con tanto di costumi, scenografie e coreografie, messi insieme da un papà che, con la regia della maestra Dugo, ha messo a disposizione la propria arte per creare il breve film. La prima visione, riservata alle famiglie e ai piccoli attori, è andata on line poco dopo la fine della scuola.

Un modo per chiudere il primo ciclo di scuola con uno spettacolo, così come vuole la tradizione, dando uno scacco matto alla pandemia che ha rimesso tutto in discussione. “Esempio di resilienza al covid” lo hanno definito, ma anche un momento importante per alunni, famiglie e insegnanti che così hanno salutato gli ormai ex allievi dopo che, come Zorba con Fortunata, hanno fornito loro le basi per “volare” verso la prossima tappa della loro vita.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo