Arriva “WhatsApp SiracusaNews”: per le segnalazioni dei lettori, basta un messaggio

In tendenza

Operazioni “Mare aperto” e “Ita minex 2019”, partite le esercitazioni militari da Siracusa a Portopalo

Coinvolte unità navali e un sottomarino

Ieri è scattata le esercitazioni militari “Mare aperto” e “Ita minex 2019”, a cura della Marina militare. Nelle operazioni saranno coinvolte alcune unità navali e anche un sommergibile che si inabisserà dal 29 aprile al 4 maggio nel tratto di mare antistante la costa orientale che va da Siracusa a Portopalo di Capo Passero, a 50 chilometri dalla costa.

“Mare aperto” è considerata la più grande esercitazione nazionale della Marina Militare, condotta dal Comando in Capo della Squadra Navale, che si addestra nel Mediterraneo Centrale insieme ad alcuni reparti dell’Esercito e dell’Aeronautica e ad unità della Forza Marittima Europea. L’attività si incentrerà nelle principali forme di lotta sul mare e dal mare, quali la difesa delle navi nella lotta antiaerea, antisommergibile ed antinave; nelle attività di contrasto alle situazioni illegali sul mare; nella gestione di situazioni di crisi in ambienti con presenza di minaccia e nella gestione delle emergenze di bordo. L’esercitazione ha l’obiettivo di migliorare i livelli di efficacia e prontezza operativa e favorire il processo di integrazione delle forze militari, rafforzando in particolar modo la sorveglianza marittima in una vasta area del Mediterraneo.

Le attività di “Ita minex 2019”, invece, mirano alla ricerca subacquea e la rimozione dai fondali di ordigni bellici, nonché all’individuazione e messa in sicurezza di relitti e beni archeologici sommersi. Ad occuparsi di ciò sono i cacciamine, unità dotate di sistemi ad elevato tasso tecnologico. Le attività sono finalizzate a garantire il libero accesso ai porti e mantenere aperte le vie di comunicazione marittime assicurando il libero transito delle unità mercantili e la sicurezza della navigazione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo