In tendenza

Siracusa, morte di Angelo De Simone, la mamma commenta il rinvio a giudizio: “te lo avevo promesso”

Mamma Tiziana con un post sui social: "La tua mamma "pazza" lo ha sempre saputo dentro di sé che ti avevano fatto volutamente del male"

Te lo avevo promesso e non ho mai smesso di crederci nonostante ci sia voluto tanto tempo”. Con un post breve ma ricco di sentimenti Tiziana, la madre di Angelo De Simone ha commentato sui social la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura di Siracusa per Giancarlo De Benedictis. Quest’ultimo ritenuto insieme con Luigi Cavarra (deceduto nel 2018) autore dell’omicidio del 27enne siracusano.

Le prime indagini si erano subito concentrate però sull’ipotesi di suicidio, tesi mai condivisa dai familiari di De Simone e in primis da mamma Tiziana che per ben due volte si sono opposti all’archiviazione del caso. La svolta è avvenuta con il cambio di Pm (Gaetano Bono sotto il coordinamento del procuratore Sabrina Gambino) che ha dato un maggiore input alle indagini affidate alla sezione di Polizia giudiziaria della Procura e la scorsa estate, dopo aver estumulato la salma, è stata eseguita l’autopsia che ha portato a riscontri ben diversi.

Gli esami svolti dal medico legale Giuseppe Ragazzi sono stati fondamentali per far luce sul decesso e sulle dinamiche dello stesso, avvenuto sì per impiccagione ma causata da altri, perché sono emersi particolari fondamentali nella ricostruzione della vicenda come alcune tracce di lacerazione al palato molle che lasciano intendere una dinamica ben diversa da quella di un suicidio. Motivi per cui ieri il Pm Bono ha chiesto il rinvio a giudizio per Giancarlo De Benedictis.

Una notizia accolta quasi come una liberazione da mamma Tiziana che nel suo post social ha proseguito affermando come “Il silenzio non è sempre segno di resa a volte è necessario. Il boato di chi tace a volte fa più rumore di tanti bla bla bla…. La tua mamma “pazza” lo ha sempre saputo dentro di sé che ti avevano fatto volutamente del male.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo