In tendenza

Siracusa, riqualificazione waterfront di via Elorina. Il Pd: “il Comune bandisca un concorso di idee o affidi l’incarico per la progettazione”

Salvatore Adorno, segretario provinciale del Partito democratico, entra nella questione inerente la smilitarizzazione dell'Aeronautica e la successiva liberazione del lungomare

“All’indomani della visita del sottosegretario alla difesa, Giorgio Mulè, era già chiaro ai più che il Ministero della Difesa chiedeva al Comune di Siracusa, uno studio che riguardasse tutta l’area costiera della zona Sud. Si tratta di un’area vasta, che va da borgo Sant’Antonio ai Pantanelli che ha importanti punti di forza ed emergenze archeologiche e naturalistiche che sono una risorsa ma che pongono anche vincoli. Recentemente si è avuta notizia che il Ministero ha confermato questa impostazione. Autonomamente ma in sintonia con l’impostazione del Ministero, il Pd fin da subito ha posto l’obiettivo di inglobare l’area dell’idroscalo in un piano ampio relativo a tutta la zona Sud”. Salvatore Adorno, segretario provinciale del Partito democratico, entra nella questione inerente la smilitarizzazione dell’Aeronautica e la successiva liberazione del lungomare. E indirettamente replica alla Fillea Cgil di Siracusa, che si è detta molto critica riguardo la possibilità di riqualificare il waterfront di via Elorina definendola un’idea “già morta e sepolta tra guerra e immobilismo politico” considerato che gran parte della riqualificazione della città passa proprio da una nuova “vita” di quell’area, ma annotando una politica “insensibile e immobile” sull’argomento.

“La sfida che abbiamo lanciato – dice Adorno – è quella di realizzare un progetto globale capace di trasformare i vincoli archeologici, paesaggistici e di proprietà dell’intera area costiera Sud, in risorse per lo sviluppo sostenibile. Ad oggi non ci si è ancora mossi in questa direzione e le polemiche degli ultimi giorni dimostrano come non vi sia un’idea ben definita sul futuro dell’area. Che aspetta dunque il Comune di Siracusa a bandire un concorso di idee o affidare l’incarico a un grande studio per riprogettare l’intera area Sud venendo incontro alle richieste del Ministero e soprattutto a una buona pratica di pianificazione?”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo